Pensioni quota 100 con età a 64 o 65 anni, ecco come cambiano i numeri

di redazione
ipsef

item-thumbnail

Il presidente dell’Inps Boeri è intervento in Parlamento con una relazione in cui venivano affrontate diverse questioni, ma all’interno della quale si affrontava anche la questione del costo minimo e massimo di ‘quota 100’ guardando al 2028.

Nella relazione sono state approntate quattro proiezioni, legate allo sbarramento d’età per la quota 100 a 64 o 65 anni.

“In assenza di una formale proposta normativa” l’Inps ha impostato l’analisi in base a quattro differenti scenari.

Il primo prevede il ripristino della pensione di anzianità con 41 anni di contribuzione e quota 100 con 64 anni di età minima (35 anni la soglia dei contributi). Nel 2019 l’onere sarebbe di 11,6 miliardi di euro per un totale di 596 mila pensioni in più a fine anno. Nel 2028 i costi salirebbero a 18,3 miliardi e gli assegni a 1 milione. Dopo di che “a partire dal 2030 gli oneri si riducono, trasformandosi in risparmi intorno all’anno 2040.

Passando alla seconda, si immagina uno sbarramento a 65 anni per un esborso di 10,3 miliardi di euro subito, che nel 2018 lieviterebbero fino a 16,5. I flussi di pensionamento da 519 mila andrebbero a 896 mila.

Ritornare ai 41 anni di anzianità e insieme a quota 100, 101 per gli autonomi, senza un requisito di età farebbe salire i costi a quasi 14,4 miliardi già in partenza, per sfiorare i 21 miliardi annui di euro nel 2028. Gli assegni in più sarebbero 751 mila nel 2019 (oltre un milione dopo dieci anni). “Dall’elaborazione – si legge nella nota tecnica – risulta che la modifica normativa comporta un onere complessivo pari a circa 6,0 punti percentuali rispetto al Pil previsto per l’anno 2018”. Altra cosa è quota 100 con 64 anni minimi di età e il mantenimento della legislazione attuale per quanto riguarda l’anzianità (oggi 43 anni e 3 mesi per gli uomini, 42 anni e 3 mesi per le donne). Il primo anno si spenderebbero 4,6 miliardi in più fino ad arrivare a 8 nel 2028. Nell’arco dei dieci anni il maggior numero di pensioni va dalle 258 mila alle 450 mila.

Versione stampabile
Argomenti:
anief
soloformazione