Pensioni da quota 100 a 107, si parte da 38 anni di contributi. I dettagli

di redazione
ipsef

item-thumbnail

Via al Documento di Economia e Finanza del governo composto da Lega e Movimento 5 Stelle. In attesa del testo ufficiale, cosa contiene per quanto riguarda le pensioni?

Quota 100 c’è

E’ presente, nel DEF, la riforma delle pensioni di cui si è parlato tanto in questi mesi, la famosa quota 100. Ma come sarà articolata? Secondo quanto risulta alla nostra redazione, è stata confermata l’ipotesi di riforma che vede come età minima a 62 anni e i contributi a 38 anni.

Quote da 101 a 107

Il provvedimento, inoltre, prevede altre quote di “uscite”. Infatti, si esce con un’età più elevata la quota sale (101 con 63 anni più 38, 102 con 64 anni più 38 ecc fino alla quota 107).

Blocco dell’aspettativa di vita per 5 anni

Questo provvedimento si affiancherebbe alla possibilità di bloccare l’aumento dell’aspettativa di vita di 5 mesi per le pensioni anticipate previsto per il 2019. In pratica quindi nel 2019 si potrà continuare ad andare in pensione indipendentemente dall’età avendo 42 anni e 10 mesi di contributi (41 e 10 mesi per le donne), invece che 43 anni e 3 mesi (42 e 3 mesi per le donne).

Versione stampabile
Argomenti:
anief
soloformazione