Pensioni quota 100: attesa dal 34% degli italiani

di Elisabetta Tonni
ipsef

item-thumbnail

Pensioni quota 100 è la misura che il 34% degli italiani vuole vedere realizzata nella manovra finanziaria. 

E’ quanto rilevato da un sondaggio della società SWG reso pubblico dal Tg7 di Enrico Mentana.

Le scelte degli italiani

I risultati del sondaggio non lasciano margini di dubbio. Per la maggioranza relativa degli italiani, la riforma della legge Fornero nella parte delle pensioni è la misura più attesa (34%) che stacca di molto le altre due proposte economiche: flat tax (17%) e reddito di cittadinanza (16%).

A pochi giorni dalla presentazione della nota aggiornata del Def, il documento programmatico di economia, non è ancora trapelato con quale meccanismo si raggiungerà la quota 100, dove e come saranno trovate le risorse.

La combinazione di cui si parla con maggiore frequenza è quella dei 62 anni di età e 38 anni di contribuzione, ma esistono varianti che consentirebbero anche di andare in pensione con 37 e addirittura 36 anni di contribuzione, ovviamente sempre raggiungendo quota 100. In questi casi, l’età anagrafica salirebbe a 63 e 64 anni, cioè tre o quattro in meno rispetto all’età minima prevista attualmente per accedere all’assegno di quiescenza.

Ecco come finanziare la Quota 100

E’ proprio su quest’ultimo aspetto che si rincorrono alcune ipotesi. Come spiega Enrico Marro sul Corriere della Sera, “per tagliare il costo di «quota cento» prevede che la pensione anticipata venga calcolata col meno vantaggioso metodo contributivo per tutti i versamenti successivi al 1995, quando fu appunto introdotto il nuovo sistema. In questo modo l’importo della pensione si ridurrebbe, secondo i casi, anche del 10-15%. Si prevede inoltre di poter conteggiare non più di due anni di contributi figurativi“.

Aumentare il rapporto deficit/Pil

Il problema è infatti sempre quello delle coperture che Luigi Di Maio, vicepresidente del Consiglio, vorrebbe risolvere aumentando il deficit sulla produzione della ricchezza (Pil) esattamente come ha fatto la Francia che però ha un debito pubblico più basso dell’Italia.

Infatti in Finanziaria dovranno esserci altri soldi anche per rendere possibile la flat tax e il reddito di cittadinanza. Ecco perché allo studio della controriforma Fornero ci sono tutte le variabili per rendere meno oneroso per lo Stato il meccanismo di quota 100.

Quota 100 finanziata anche dai pensionandi

Come spiega ancora Enrico Marro, “Oltre al calcolo contributivo dal 1996, ci sono due nuove ipotesi dei tecnici per ridurre il costo di «quota cento». La prima prevede una penalizzazione temporanea, cioè un taglio di 1-1,5 punti percentuali della pensione per ogni anno di anticipo rispetto a 67 anni. Per esempio, uscendo dal lavoro a 62 anni, l’assegno sarebbe tagliato fra il 5 e il 7,5%. Ma questa penalizzazione verrebbe tolta al raggiungimento dei 67 anni, quando scatterebbe la pensione piena. La seconda ipotesi prevede invece un taglio permanente, ma in questo caso la penalizzazione sarebbe più bassa: i tecnici della Lega parlano di mezzo punto per ogni anno di anticipo, ma potrebbe essere anche un punto. In ogni caso, le penalizzazioni alleggerirebbero la pensione meno del calcolo contributivo“.

Versione stampabile
Argomenti:
anief
soloformazione