Pensioni prescrizione contributi, prorogati termini al 1° gennaio 2020

WhatsApp
Telegram

L’Inps, con la circolare n. 169 del 15 novembre 2017, ha fornito apposite indicazioni in merito alla prescrizione dei contributi pensionistici dovuti alle Gestioni pubbliche.

Prescrizione contributi non versati: a carico delle pubbliche Amministrazioni

Nello specifico, la succitata circolare ha esteso alla cassa pensionistica CTPS l’applicazione della norma (articolo 31, comma 2, della legge n. 610/1952), secondo cui i periodi non assistiti dal corrispondente versamento di contribuzione e prescritti sono posti a carico delle Amministrazioni pubbliche, a decorrere dal 1° gennaio 2019.

Ricordiamo che in caso di prescrizione dei contributi non versati, gli oneri a carico dell’Amminitrazione pubblica sono i seguenti:

  • non avrà più la possibilità di regolarizzare i versamenti mancanti;
  • dovrà sostenere l’onere del trattamento di quiescenza, riferito a periodi di servizio per i quali è intervenuta la prescrizione.

Proroga

L’Inps, con la circolare n. 117/2018, ha prorogato i termini fissati dalla precedente circolare del 2017.

La proroga è stata chiesta, scrive l’Inps, da numerose Amministrazioni statali ed Enti pubblici, nonché da Confederazioni sindacali e  Patronati, al fine di consentire ai datori di lavoro il completamento delle operazioni di verifica e l’aggiornamento dei conti assicurativi dei lavoratori, a tutela dei diritti di quest’ultimi, senza incorrere nei maggiori oneri connessi alla prescrizione contributiva.

L’Inps, accogliendo le suddette richieste e dopo il via libera del Ministero del Lavoro, ha prorogato il termine ultimo di prescrizione dei contributi non versati al 1° gennaio 2020.

Verifica contributi

Per verificare la propria posizione assicurativa, quindi i contributi versati, si deve visionare il proprio estratto conto contributivo.

A fine suddetto, si deve accedere all’area riservata (MyINPS) con le proprie credenziali (codice fiscale, PIN o SPID), Area prestazioni e servizi/Fascicolo previdenziale del cittadino/Posizione assicurativa/Estratto conto.

In caso di contributi mancanti, si deve segnalare, con domanda on-line RVPA (richiesta variazione posizione assicurativa), eventuale contribuzione mancante o anomalie nella propria posizione previdenziale.

Per l’istanza RVPA non è fissato alcune termine perentorio.

Circolare

WhatsApp
Telegram

Corso di perfezionamento in Metodologia CLIL: acquisisci i 60 CFU con Mnemosine, Ente accreditato Miur