Pensioni, prescrizione contributi: per lavoratori scuola nessuna scadenza il 31 dicembre 2019

di redazione
ipsef

item-thumbnail

Prescrizione contributi: nessun allarmismo per eventuali scadenze al 31 dicembre 2019. Il lavoratore può comunque accedere in ogni momento al proprio estratto contributivo.

Prescrizione contributi: proroga al 31/12/2021

Il decreto su quota 100 decreto legge n. 4/2019 convertito in legge 26/2019 dedica l’articolo 19 ai termini di prescrizione suddetti, prevedendo che gli obblighi, relativi alle contribuzioni di previdenza e assistenza sociale obbligatoria, riguardanti periodi sino al 31 dicembre 2014, non si applicano sino al 31 dicembre 2021, fatti salvi gli eventuali provvedimenti passati in giudicato.

La regolarizzazione dei contributi da parte delle amministrazioni pubbliche, dunque, è possibile sino al 31/12/2021.

Verifica e variazione posizione assicurativa

Fermo restando che per il lavoratore non cambia nulla, secondo quanto detto sopra, è bene comunque verificare la propria posizione assicurativa. A tal fine, si deve visionare il proprio estratto conto contributivo. Approfondisci

Sintesi scadenze

Contribuzione obbligatoria per i periodi di competenza fino al 31 dicembre 2014, con riferimento alle contribuzioni dovute dalle amministrazioni pubbliche per le gestioni previdenziali esclusive amministrate dall’INPS:  i termini di prescrizione sono sospesi sino al 31/12/2021

  • Versamenti afferenti ai periodi retributivi del 2015 devono essere effettuati entro l’anno 2020 (prescrizione quinquennale)
  • Versamenti afferenti a dicembre 2015 potranno essere effettuati secondo gli ordinari termini di prescrizione, entro il 18 gennaio 2021

La circolare INPS

Versione stampabile
Argomenti:
soloformazione