Pensioni, il ministro Poletti apre alla proroga dell’opzione donna

WhatsApp
Telegram

L'opzione donna, introdotta dalla legge 243/04, è stata prorogata sino al 31 dicembre 2015 dalla Riforma Fornero. 

L'opzione donna, introdotta dalla legge 243/04, è stata prorogata sino al 31 dicembre 2015 dalla Riforma Fornero. 

Si è trattato di un provvedimento, cui hanno ricorso diverse lavoratrici al fine di anticipare l'uscita dal lavoro con diversi anni di anticipo rispetto a quanto previsto dalla citata Riforma Fornero, sulla base della quale si può andare in pensione o con almeno 41 anni e 10 mesi di contributi indipendentemente dall'età anagrafica o con  66 anni e 7 mesi d'età per le donne del pubblico impiego, 65 anni e 7 mesi le donne dipendenti del settore privato, 66 anni e 1 mese le autonome, insieme a 20 anni di contributi.

L'opzione donna ha permesso, come suddetto, l'uscita anticipata dal lavoro alle lavoratrici con 35 anni di contributi e 57 anni e 3 mesi d'età (58 anni e 3 mesi se lavoratrici autonome). L'assegno pensionistico, scegliendo tale opzione, è calcolato sulla base del sistema contributivo.

Il ministro Poletti, rispondendo ad un question time alla Camera, ha aperto alla possibilità di prorogare l'opzione donna anche per il 2016, come apprendiamo da PensioniOggi.it.

Poletti ha , inoltre, riportati i dati relativi alle donne che sono andate in pensione con data successiva al 31/12/2015: si tratta di 7.070 lavoratrici che hanno esercitato la suddetta opzione. Ha, infine, assicurato la volontà del Ministero, di cui è titolare, di impiegare le risorse non utilizzate per iniziative analoghe alla citata opzione o alla proroga della stessa.

WhatsApp
Telegram

Corso di perfezionamento in Metodologia CLIL: acquisisci i 60 CFU con Mnemosine, Ente accreditato Miur