Pensioni, maestre infanzia a 63 anni

WhatsApp
Telegram

I docenti della scuola dell’Infanzia potranno andare in pensione a 63 anni e 36 anni di contributi, anticipando quindi l’uscita per vecchia di 3 anni e 7 mesi.

La misura suddetta è stata approvata con la legge di Bilancio nell’ambito delle misure pensionistiche di flessibilità in uscita.

Le maestre della scuola dell’infanzia, pertanto, potranno accedere alla cosiddetta APE social, che si differenzia dall’APE per il fatto che chi ne usufruisce non sarà soggetto ad alcuna penalizzazione economica, dovuta al prestito bancario concesso per permettere l’uscita anticipata.

Come mai solo gli insegnanti della scuola dell’Infanzia? Perché il loro rientra tra i lavori cosiddetti usuranti.

Ecco l’elenco delle professioni usuranti che hanno diritto all’Ape senza penalizzazioni: operai dell’industria estrattiva, dell’edilizia e della manutenzione degli edifici; conduttori di gru, di macchinari mobili per la perforazione nelle costruzioni; conciatori di pelli e di pellicce; conduttori di convogli ferroviari e personale viaggiante; conduttori di mezzi pesanti e camion; professioni sanitarie infermieristiche ed ostetriche ospedaliere con lavoro organizzato in turni; addetti all’assistenza personale di persone in condizioni di non autosufficienza; insegnanti della scuola dell’infanzia e gli educatori degli asili nido; facchini, addetti allo spostamento merci ed assimilati.

Legge Bilancio, tutto sulla scuola: dall’incremento dell’organico dell’autonomia al risarcimento dei precari

Legge Bilancio, risorse rinnovo contratto: 1,9 miliardi per 2017 e 2,6 miliardi per 2018

WhatsApp
Telegram

Concorso per dirigenti scolastici. Corso preparazione: 285 ore di lezione, simulatore Edises con 14mila quiz e modulo informatica. Nuova offerta a 299 euro