Argomenti Consulenza fiscale

Tutti gli argomenti

Pensioni, la riforma prenderà il via dopo Natale

WhatsApp
Telegram

Concluso il primo incontro tra governo e sindacati sulla riforma pensioni, si attende il calendario dei prossimi tavoli.

Ieri pomeriggio si è svolto l’incontro tra governo e parti sociali e l’argomento di discussione è stata proprio la riforma delle pensioni.  L’incontro, durato meno di un’ora, ha gettato le basi per il prossimo calendario di incontri che dovrebbe portare, entro aprile, ad una riforma delle pensioni che tenga conto anche delle rigidità imposte dalla legge Fornero.

All’incontro, oltre a Mario Draghi, hanno partecipato i ministri dell’Economia, Daniele Franco, del Lavoro, Andrea Orlando, e della Pubblica amministrazione, Renato Brunetta e i segretari generali di Cgil, Cisl e Uil, Maurizio Landini, Luigi Sbarra e Pierpaolo Bombardieri.

Il calendario dei prossimi incontri per discutere sulla previdenza sarà comunicato nella giornata di oggi dal premier ai sindacati.

Primo incontro riforma pensioni

Soddisfatti i rappresentanti sindacali poichè c’è stata da parte del governo, una dichiarazione ufficiale della disponibilità a discutere sulla legge Fornero. Cosa che negli ultimi 10 anni non era mai avvenuta.

Resta da capire se la discussione porterà, in qualche modo, qualche vantaggio ai lavoratori in sede di pensionamento.

Pierpaolo Bombardieri, leader della UIL ha affermato che “Si è deciso di aprire finalmente il cantiere per discutere della riforma della legge Fornero sulla flessibilità in uscita, sulla previdenza per giovani e donne e sulla previdenza complementare. Abbiamo concordato il metodo”.

Maurizio Landini, segretario generale della CGIL, invece, sottolinea che “Noi abbiamo consegnato al governo la proposta unitaria sulla riforma delle pensioni e abbiamo chiesto che il confronto che si dovrà aprire deve affrontare tutte le questioni che dentro la piattaforma ci sono, quindi non ci interessa di discutere di qualche aggiustamento ma fare una riforma che corregga tutte le distorsioni, gli errori, i limiti e le diseguaglianze”.

Le parti sociali si augurano che ora, con il governo, possa esserci un confronto vero e non come avvenuto per la riforma del Fisco.

Nei prossimi incontri, come sottolinea il segretario della CISL, “ci saranno il sottosegretario alla presidenza del Consiglio Roberto Garofoli, il consigliere economico Marco Leonardi e i ministri competenti. Non ci sarà Draghi”.

WhatsApp
Telegram
Consulenza fiscale

Invia il tuo quesito a [email protected]
I nostri esperti risponderanno alle domande in base alla loro rilevanza e all'originalità del quesito rispetto alle risposte già inserite in archivio.

Concorso a cattedra ordinario secondaria, il corso Orizzonte Scuola: aggiornato con esempi di prova orale già pronti e simulatore EDISES per la prova scritta. A 150 EURO