Pensioni, a luglio la quattordicesima: requisiti e importi

di redazione
ipsef

item-thumbnail

Comunicato Cedan – Il messaggio INPS n. 2389 del 13 giugno 2018 comunica l’importo della somma aggiuntiva, c.d. quattordicesima, che sarà liquidata ai pensionati aventi diritto unitamente alla pensione del prossimo mese di luglio.

Per circa tre milioni e mezzo di pensionati quest’anno a luglio arriverà la quattordicesima: lunedì 2 luglio tale somma sarà corrisposta ad integrazione al rateo di pensione di luglio. L’Inps indica i nuovi limiti di reddito per ottenere l’accredito della somma aggiuntiva. Tale somma di denaro risulta essere variabile tra 336 e 655 euro a seconda del reddito e degli anni di contributi versati: la paletea dei beneficiari di tale misura di integrazione del trattamento pensionistico riguarda coloro i quali sono in pensione da lavoro privato, pubblico e autonomo che abbiano compiuto 64 anni di età e il cui reddito personale annuo complessivo non superi le due volte il trattamento minimo. Quest’anno il tetto è a 13.192,92 euro.

 

La quattordicesima viene liquidata secondo criteri ben definiti e i pensionati devono possedere i seguenti requisiti reddituali e anagrafici: almeno 64 anni di età; reddito complessivo individuale fino a un massimo di 2 volte il trattamento minimo annuo del Fondo pensioni lavoratori dipendenti, ovvero fino a 13.192,92 euro. Verificati tali requisiti, la quattordicesima viene liquidata a tutti i pensionati appartenenti ad una delle gestioni dell’AGO o sostitutive, esclusive ed esonerative, ovvero ai percettori di una pensione di anzianità, vecchiaia, invalidità o anticipata, nonché di reversibilità. Bisogna porre attenzione al fatto che, per chi perfeziona i requisiti dal 1° agosto in poi, la liquidazione è effettuata con una successiva elaborazione sulla rata di dicembre dell’anno di riferimento.

Quattordicesima: calcolo dell’importo

 

Per quanto riguarda l’importo della quattordicesima, a seguito delle modifiche alle modalità di calcolo dell’assegno, oggi vengono presi in esame i seguenti parametri: reddito (se compreso entro 1,5 volte il trattamento minimo oppure tra 1,5 e 2 volte); anni di contributi; tipologia di pensionato (autonomo o dipendente). I destinatari possono verificare l’entità dell’importo della quattordicesima utilizzando il servizio online INPS per la consultazione del cedolino pensione. Al fine di una migliore rappresentazione di quanto sopra descritto, si riporta una tabella che riassume l’entità della somma da percepire in ordine a situazione reddituale e anni di contribuzione

 

Anni di contribuzione Reddito 1,5 volte il minimo:
9.894,69 euro
Reddito fino a 2 volte il minimo:
13.192,92 euro
Dipendenti fino a 15 anni
Autonomi fino a 18 anni
437 euro 336 euro
Dipendenti fra 15 e 25 anni
Autonomi fra 18 e 28 anni
546 euro 420 euro
Dipendenti oltre i 25 anni
Autonomi oltre i 28 anni
655 euro 504 euro

Per informazioni, contatta la sede Cedan più vicina a te e visita il nostro sito! Per contattare la sede nazionale scrivi un’e-mail all’indirizzo [email protected] e contatta il numero 091 7098356.

Versione stampabile
Argomenti:
anief
soloformazione