Pensioni, il governo pensa alla riforma dal 2022. Quota 100 rimane fino al 2021

Stampa

Sul tema delle pensioni il governo accelera. Tavolo di confronto tra il ministro del Lavoro, Nunzia Catalfo, e i sindacati, Cgil, Cisl e Uil. 

Secondo quanto si apprende, allo studio, c’è una riforma delle pensioni da attuare con  legge delega a partire dal 2022 una volta scaduta quota 100 che
arriverà al termine del triennio sperimentale a fine 2021.

L’incontro con le parti sociali ha permesso il riavvio del tavolo sulle pensioni dopo il lungo  lockdown seguito all’epidemia da Covid 19.

Si è stabilito un crono-programma con due discorsi paralleli, da una parte si avrà l’orizzonte delle leggi di bilancio e degli interventi più urgenti, l’altro, invece, avrà come obiettivo una riforma generale del sistema.

Dal governo, secondo le ultime indiscrezioni raccolte, sarebbe anche arrivata la disponibilità a ragionare sul rafforzamento del contratto di solidarietà per traghettare dal lavoro alla pensione i lavoratori e al tempo stesso liberare fondi (e risorse) per nuove assunzioni.

Verso la proroga ed il rafforzamento dell’Ape sociale, che scade a fine 2020, e di Opzione Donna. Si anche verso l’adeguamento delle pensioni in essere con l’ampliamento della platea  che potrà beneficiare della 14esima.

Stampa

Con i 24 CFU proposti da Mnemosine puoi partecipare al Concorso. Esami in un solo giorno in tutta Italia