Pensioni, Guerra: “Ipotesi per ‘Quota’ crea problema di genere, per le donne è difficilissimo avere una carriera contributiva molto lunga”

WhatsApp
Telegram

Nel capitolo ‘Pensioni’ del Dpb “Opzione donna non c’è al momento, era una via d’uscita. Prima di abbandonare qualsiasi soluzione relativa alla diversita’ di genere ci penserei bene, ci vorrebbe un’Opzione donna rivista e meno onerosa e un’attenzione a gravosi e usuranti”.

Così la sottosegretaria dell’Economia Maria Cecilia Guerra nel corso di un Forum con l’agenzia Il Sole 24 Ore Radiocor, spiegando che “l’ipotesi per ‘Quota’ ha un problema di genere fortissimo: per le donne è difficilissimo avere una carriera contributiva molto lunga. Una riforma piu’ strutturale dovrebbe sfruttare la flessibilita’ contributiva”, aggiunge.

Inoltre, “un tema che resta fuori e assolutamente urgente è la Garanzia giovani. Sono interventi che permettono di gestire una fase, ma non stiamo investendo su un orizzonte di più lungo respiro che sarebbe necessario”, osserva Guerra riferendosi alla Manovra e alle ipotesi per “addolcire” lo scalone che provocherà la fine di Quota 100.

 

WhatsApp
Telegram

ASUNIVER e MNEMOSINE, dottorato di ricerca in Spagna: cresci professionalmente e accedi alla carriera universitaria con tre anni di congedo retribuito