Argomenti Guide

Tutti gli argomenti

Pensioni: età pensionabile diversa in base ai contributi versati, cosa offre la normativa

WhatsApp
Telegram
pensione

Anche se non sembra, in sistema previdenziale prevede una età variabile in base alla carriera.

L’età pensionabile vigente attualmente è pari a 67 anni. Questa è l’evidenza del sistema quando si parla di pensioni. Si esce a 67 anni con la pensione di vecchiaia ordinaria, con le deroghe Amato, con l’opzione contributiva Dini e perfino con l’assegno sociale.
In ogni caso tutte queste misure così elencate, hanno come minimo comune denominatore, un numero di contributi pari a 20 anni o più basso.
Proprio i contributi previdenziali sono la soluzione per anticipare la pensione rispetto all’età pensionabile.
Infatti in base ai contributi versati, non sono poche le misure che consentono l’anticipo.

Pensioni, quando è importante la carriera

L’età in cui si va in pensione nel nostro sistema è collegata alla carriera. Infatti non mancano le misure capisci di fare anticipare la quiescenza anche di molti anni rispetto alla pensione a 67 anni.
Per esempio, non ci sono limiti anagrafici per le pensioni anticipate o per quota 41 precoci.
La pensione anticipata ha come unico requisito i 42,10 anni di contributi per gli uomini o i 41,10 per le donne. Identica cosa per la quota 41, per la quale servono 41 anni di contributi di cui uno prima dei 19 anni di età. Misura destinata a lavori gravosi, disoccupati, invalidi e caregivers.
Sia per la quota 41 che per la pensione anticipata ordinaria, servono 35 anni di contribuzione effettiva, senza figurativi da disoccupazione e malattia.

Misure alternative all’età pensionabile a 67 anni

Oltre alle misure distaccate da limiti anagrafici, esistono molte misure che consentono di anticipare l’uscita ad una determinata età e con un altrettanto determinato numero di anni di contributi versati.
La quota 100 per esempio, permette di lasciare il lavoro già a 62 anni, ma solo a condizione di aver completato i 38 anni si contributi versati. –
La misura cesserà però alla fine del corrente anno, cioè al 31 dicembre 2021.
A 63 anni invece si può iniziare ad uscire con l’Ape Sociale, ma servono 30 anni di contributi per disoccupati, invalidi o caregivers. Ne servono 36 invece per i lavori gravosi. In questo caso è necessario che il lavoro gravoso sia stato svolto per 7 degli ultimi 10 anni di carriera o in 6 degli ultimi 7 anni.
A 64 anni invece esiste la pensione anticipata contributiva, una delle poche vie di uscita con gli stessi anni di contributi previsti per la pensione di vecchiaia. Con la anticipata contributiva si può andare in pensione completando la combinazione 64+20, ma solo se il primo contributi versato è successivo al 31 dicembre 1995 e se la pensione è liquidata per un importo pari ad almeno 2,8 volte l’assegno sociale.
Le donne a 56 anni e gli uomini a 61 anni invece possono uscire sfruttando la pensione di vecchiaia anticipata con invalidità pensionabile. In questo caso bastano 20 anni di contributi versati e l’80% di invalidità pensionabile, quella riconosciuta dalle commissioni Inps.
Per le donne anche il regime sperimentale. Si chiama opzione donna, che permette il pensionamento con 58 anni di età per le lavoratrici dipendenti e 59 anni di età per le lavoratrici autonome.
La prestazione riguarda le lavoratrici che hanno contributi versati nel sistema retributivo. Infatti è una vera e propria opzione contributiva, poichè offre la possibilità di anticipare la quiescenza a condizione di accettare (quindi di scegliere) il ricalcolo completamente contributivo della pensione, quindi penalizzante.
Servono 35 anni infine, per poter anticipare la pensione con il regime usuranti, una misura che per determinate attività lavorative (tra cui operai delle linee a catena,autisti di mezzi pubblici e lavoratori notturni), permette un netto anticipo rispetto alla pensione di vecchiaia ordinaria a 67 anni. SI esce infatti già dai 61,7 anni di età, fermo restando l’obbligo di completare la quota 97,6 (o maggiore in base alle notti lavorative per anno solare per i lavoratori notturni).

WhatsApp
Telegram

Eurosofia ti offre il suo supporto per la Preparazione ai Concorsi scuola ed aumentare il punteggio per le graduatorie GPS