Pensioni, errori INPS e segreterie possono influire su trasferimenti e immissioni in ruolo

di redazione
ipsef

item-thumbnail

Il rischio di errore nelle pratiche di pensionamento del personale della scuola può influire sui prossimi trasferimenti e sulle attese immissioni in ruolo per l’a.s. 2018/19.

“È sufficiente un singolo errore nella trasmissione dei dati sui versamenti dalle scuole all’Inps per inficiare il pensionamento del docente che ne ha fatto richiesta” afferma lo Snals “Se la pratica di pensionamento di un insegnante viene avviata, si libera un posto che viene assegnato a un altro docente. Ma se l’Inps riscontra errori e il pensionamento salta e slitta di un anno, si può arrivare al paradosso che lo stesso posto venga attribuito a due docenti”

E la Flc Cgil conferma “Nessuno perderà il posto, ma potrebbe effettivamente sussistere questo problema. La cosa deve far riflettere: i tagli di personale qualificato nei provveditorati e l’affidamento di questi compiti alle segreterie delle scuole, che hanno organici insufficienti a causa dei tagli e che sono oberate di compiti, portano a paradossi come questo”.

Ma anche i ritardi dell’INPS potranno creare dei problemi. Pensioni, Inps non comunica pensionati infanzia e primaria. A rischio soprannumerari e trasferimenti

Versione stampabile
Argomenti:
anief
soloformazione