Pensioni docenti e ATA: le domande sono due. Chi le valuta? Info

di redazione
ipsef

item-thumbnail

Pensioni docenti e ATA dal 1° settembre 2019: la presentazione delle domande scade il 12 dicembre. Alcune indicazioni per la corretta procedura. 

Domanda di cessazione e domanda di pensione

La domanda di cessazione va inoltrata attraverso l’apposita funzione di Istanze online.

La domanda di pensione va presentata all’INPS esclusivamente attraverso le seguenti modalità:

1) presentazione della domanda on-line accedendo al sito dell’Istituto, previa registrazione;
2) presentazione della domanda tramite Contact Center Integrato (n. 803164);
3) presentazione telematica della domanda attraverso l’assistenza gratuita del Patronato.

Le domande presentate in forma diversa da quella telematica non vegono prese in considerazione.

Chi valuta le domande

Le sedi competenti dell’INPS effettueranno l’accertamento del diritto al trattamento pensionistico tenendo conto dei dati presenti sul conto assicurativo (ovvero dei contributi che risultano registrati negli archivi dell’INPS) del lavoratore, per coloro che hanno presentato domanda di
valutazione, computo, riscatto, ricongiunzione e accrediti figurativi dal 1° settembre 2000 in poi.

Per coloro che hanno presentato domanda precedentemente a tale data, l’Inps verificherà il diritto a pensione sulla base del decreto dell’Ambito territoriale.

L’eventuale mancata maturazione del diritto al trattamento pensionistico sarà comunicata al personale dimissionario. [da Guida UIL alla domanda di pensione]

In caso di rifiuto domanda

N.B. La data di presentazione delle domande per i Dirigenti Scolastici è il 28 febbraio. leggi tutto

Versione stampabile
Argomenti:
anief
soloformazione