Pensioni. Camusso: donne penalizzate da Ape volontario

di redazione
ipsef

item-thumbnail

La segretaria generale della Cgil, Susanna Camusso, a margine dell’assemblea nazionale delle donne delle categorie della Cgil, Filcams, Fiom, Fp e Flai, guidate da una donna, ha voluto mettere in evidenza i lati negativi dell’Ape volontario.

Per le donne l’Ape volontario è “un’ulteriore problema, perché le penalizza dal punto di vista del rendimento pensionistico”.

“Sono penalizzate per due ragioni – ha detto -, che andrebbero affrontate strutturalmente”: ossia, il fatto che “il lavoro di cura è tutto a carico delle donne e questo determina interruzioni nel percorso lavorativo” e di conseguenza “età sempre crescenti” per l’accesso alla pensione di vecchiaia. E, inoltre, “per le ragioni di disuguaglianza salariale le donne
hanno pensioni più basse”, ha detto ancora Camusso.

Versione stampabile
Argomenti:
anief
soloformazione