Pensioni, Bianchi: “Programmare le uscite dei docenti per i prossimi 10 anni, al lavoro con l’Inps”

Stampa

“Bisogna programmare le uscite degli insegnanti: con l’Inps siamo riusciti ad avere per tempo le previsioni di uscita di quest’anno e dei prossimi 10 anni e ci vuole, anno per anno, la possibilità di reclutamento che tenga conto delle uscite per garantire continuità e stabilità nei processi di reclutamento”.

Così il ministro dell’Istruzione, Patrizio Bianchi, nel corso dell’audizione sulle linee programmatiche del suo dicastero, davanti alle commissioni riunite Cultura di Camera e Senato presso la Sala del Mappamondo.

“Inoltre – ha aggiunto – la professione del docente va riconosciuta anche in termini salariali, servono carriere più articolate per i docenti e tutto il personale delle scuole”. 

IL TESTO DELLE LINEE PROGRAMMATICHE

Pensioni, 62 anni o 41 anni di contributi: così i sindacati vogliono scongiurare il ritorno alla legge Fornero

Stampa

Il 28 maggio partecipa alla Tavola rotonda “Memoria e legalità. Giovani e scuola in cammino per non dimenticare”