Pensioni 2019, aumento dell’1,1%. Inps: legge bilancio potrebbe apportare modifiche

di redazione
ipsef

item-thumbnail

L’Inps ha pubblicato la circolare n. 122 del  27/12/2018, avente per oggetto la rivalutazione delle pensioni, delle prestazioni assistenziali e delle prestazioni di accompagnamento alla pensione per l’anno 2019.

La rivalutazione suddetta è stata effettuata sulla base del decreto del 16 novembre 2018 recante il “Valore della variazione percentuale, salvo conguaglio, per il calcolo dell’aumento di perequazione delle pensioni spettante per l’anno 2018, con decorrenza dal 1° gennaio 2019, nonché valore definitivo della variazione percentuale da considerarsi per l’anno 2017, con decorrenza dal 1° gennaio 2018

Indice di rivalutazione definitivo per il 2018

L’articolo 1 del summenzionato decreto ha confermato, in via definitiva, nella misura di + 1,1% , l’aumento di perequazione automatica già attribuito alle pensioni, in via provvisoria, per l’anno 2018. Pertanto, non è stato effettuato alcun conguaglio rispetto a quanto percepito nel corso del 2018.

Indice di rivalutazione provvisorio per il 2019

Il decreto del 16 novembre 2018 ha stabilito che la percentuale di variazione per il calcolo della perequazione delle pensioni per l’anno 2019 è pari a + 1,1%, salvo conguaglio da effettuarsi in sede di perequazione per l’anno successivo.

Di seguito la tabella con i valori provvisori del 2019, contenente l’importo del trattamento minimo che costituisce la base anche per l’individuazione dei limiti di riconoscimento delle prestazioni collegate al reddito:

Modalità rivalutazione per l’anno 2019

Nella circolare Inps si spiega che la percentuale di aumento, per la variazione del costo della vita, si applica per intero (100%) sull’importo di pensione non eccedente il triplo del minimo del Fondo pensioni lavoratori dipendenti; per le fasce di importo comprese tra il triplo ed il quintuplo del minimo la percentuale di aumento è ridotta al 90%; per le fasce d’importo eccedenti il quintuplo del minimo la percentuale di aumento è ridotta al 75%:

Rivalutazione soggetta a variazioni

L’Inps evidenzia che la rivalutazione effettuata potrebbe essere oggetto di variazioni in seguito all’approvazione, ormai prossima, della legge di bilancio. Pertanto gli aumenti previsti per il 2019 potrebbero non essere tali e, conseguentemente, sarà emanata un’eventuale apposita circolare.

Per tutte le info relative  alla rivalutazione delle prestazioni assistenziali e delle prestazioni di accompagnamento alla pensione per l’anno 2019, leggi la circolare.

Versione stampabile
Argomenti:
soloformazione