Pensione quota 41 nel 2019, non basta essere solo precoce

di Consulente Fiscale

item-thumbnail

Pensione lavoratori precoci con 41 anni di contributi: per la quota 41 non bastano solo i contributi versati prima del 19° anno di età.

Buon giorno io ho cominciato a 17 anni a lavorare quest’anno sono 38 anni di contributi ho 55 anni posso usufruire della quota 41.  Grazie

Lei potrà fruire della quota 41 per i lavoratori precoci, al compimento del requisito contributivo di 41 anni, indipendentemente dall’età anagrafica, e dovrà attendere una finestra di tre mesi per il diritto alla decorrenza del trattamento pensionistico.

Inoltre, dovrà trovarsi in una delle seguenti categorie di tutela:

  • lavoratori dipendenti che si trovano in stato di disoccupazione per cessazione del rapporto di lavoro a seguito di licenziamento, anche collettivo, dimissioni per giusta causa o risoluzione consensuale e che non percepiscono più da almeno tre mesi la prestazione per la disoccupazione loro spettante;
  • lavoratori dipendenti ed autonomi che assistono al momento della richiesta e da almeno sei mesi il coniuge o un parente di primo grado convivente con handicap in situazione di gravità ( legge 104 art. 3 comma 3);
  • lavoratori dipendenti ed autonomi che hanno una riduzione della capacità lavorativa, accertata dalle competenti commissioni per il riconoscimento dell’invalidità civile, superiore o uguale al 74%;
  • lavoratori dipendenti addetti a lavori usuranti / lavoratori dipendenti che svolgono mansioni gravose.
Invia il tuo quesito a [email protected]

I nostri esperti risponderanno alle domande in base alla loro rilevanza e all'originalità del quesito rispetto alle risposte già inserite in archivio

Versione stampabile
Argomenti: