Argomenti Consulenza fiscale

Tutti gli argomenti

Pensione Quota 41 a 61 o 62 anni solo per il 2023: si evita lo scalone Fornero

WhatsApp
Telegram

Una misura solo temporanea quella che permetterà di uscire dal lavoro a 61 o 62 anni nel 2023.E poi riforma strutturale.

Qualsiasi cosa sarà inserita nella Legge di Bilancio 2023 a livello previdenziale, sarà una misura temporanea. Nulla di definitivo. Come al solito si procede con misure che tamponano il rischio del ritorno alla Legge Fornero che provocherebbe lo scalone di 3 anni rispetto all’attuale quota 102.

La flessibilità per il 2023, quindi, è solo temporanea. La pensione a 61 o 62 anni con 41 anni di contributi sarà una soluzione valida solo per il prossimo anno e a sottolinearlo è Claudio Durigon, sottosegretario al Lavoro.

Quota 41 una misura ponte

Quello a cui si punta, alla fine, è una riforma strutturale e organica e la quota 41 per tutti a 61 anni è solo una misura ponte che dovrebbe traghettare i lavoratori, senza troppi scossoni a nuove regole di pensionamento. Questo per superare definitivamente la Legge Fornero troppo rigida e vincolante.

Si pensa anche ad un incentivo per far permanere al lavoro chi ha maturato il diritto alla pensione con un aumento dello stipendio del 10%, ma per ora si pensa solo ad inserire nella manovra una qualsiasi misura che eviti lo scalone che comporta la scadenza della quota 102.

Ferma restando la proroga, per un altro anno, di Ape sociale e Opzione donna proprio perché si è in una fase transitoria. Perchè, a quanto sembra, l’obiettivo dell’esecutivo è ristrutturare la legge Fornero. Ma al momento il cantiere della previdenza è fermo, visto che le priorità sembrano essere altre: in primis calmierare i rincari delle bollette. Si pensa, poi, di prorogare anche il taglio del 2% del costo del lavoro che permette ai lavoratori con redditi fino a 35.000 euro di avere qualcosina in più in busta paga.

WhatsApp
Telegram
Consulenza fiscale

Invia il tuo quesito a [email protected]
I nostri esperti risponderanno alle domande in base alla loro rilevanza e all'originalità del quesito rispetto alle risposte già inserite in archivio.

Corso di perfezionamento in Metodologia CLIL: acquisisci i 60 CFU con Mnemosine, Ente accreditato Miur