Argomenti Consulenza fiscale

Tutti gli argomenti

Pensione quota 103 e preavviso: si perde il diritto?

WhatsApp
Telegram

La pensione quota 103 può essere richiesta anche nel 2024, basta aver centrato i requisiti prima della fine del 2023.

La pensione quota 103, con 62 anni di età e con 41 anni di contributi, resterà in vigore fino al 31 dicembre 2023. Dal prossimo anno, infatti, la misura non è stata prorogata ma si trasformerà in quota 104, che richiederà 63 anni di età con 41 anni di contributi. Cosa accade a chi raggiunge i requisiti entro fine anno ma vede slittare il proprio pensionamento al 2024? Scopriamolo rispondendo a una nostra lettrice che ci chiede:

Buongiorno , quesito Quota 103 . Io il 20 Dicembre 2023 compio 62 anni con più di 41 anni di contributi . Vorrei dare le dimissioni il 22 Dicembre 2023 ma ho un preavviso di 2 mesi Quindi dovrei lavorare fino a Febbraio 2024 , se lavoro fino a Febbraio 2024 perdo i calcoli 103 del 2023 cioè 5 volte la pensione minima  e cado nella 103 del 2024 con penalizzazioni alte (4 volte la minima al posto che 5) ? Per evitare ciò devo dimettermi per  forza il 31 Dicembre 2023   Saltando il preavviso di 2 mesi Ringrazio

Quota 103, cosa accade se slitta nel 2024?

Come accaduto già per la quota 100 e per la quota 102, la scadenza del 31 dicembre è finalizzata solo al raggiungimento dei requisiti, mentre il diritto alla pensione permane anche dopo che tale data sia trascorsa. L’importante, quindi, è raggiungere i 62 anni di età e i 41 anni di contributi entro la fine del 2023, in pensione, poi, si potrà andare anche nei mesi successivi.

Da tenere conto, poi, che per accedere alla pensione non basta solo raggiungere i requisiti poiché c’è anche una finestra d’attesa da rispettare: di 3 mesi per i dipendenti del settore privato e di 6 mesi per il pubblico impiego.

Se anche, quindi, presentasse le sue dimissioni a dicembre, rispettando i due mesi di preavviso, ricadrebbe comunque all’interno della finestra di attesa che dovrà, in ogni caso rispettare. Proprio per questo motivo non le conviene saltare il preavviso, ma le conviene continuare a lavorare fino al giorno prima di pensionarsi. Visto che la pensione è prossima, le consiglierei fin da subito di rivolgersi a un patronato per farsi assistere anche nella presentazione delle dimissioni con regolare preavviso.

 

WhatsApp
Telegram
Consulenza fiscale

Invia il tuo quesito a [email protected]
I nostri esperti risponderanno alle domande in base alla loro rilevanza e all'originalità del quesito rispetto alle risposte già inserite in archivio.

Concorso docenti 2024/25, bando a novembre: corso di formazione Eurosofia. Webinar di presentazione il 26 luglio ore 17.00