Argomenti Consulenza fiscale

Tutti gli argomenti

Pensione quota 100: si rischia la sospensione per redditi che non provengono da lavoro?

WhatsApp
Telegram
Pensione Quota 100

Quali sono i redditi che non sono cumulabili con la pensione quota 100 che potrebbero portare alla sospensione della pensione?

Continuiamo a parlare di pensione quota 100 ed in particolare del divieto di cumulo dei redditi da pensione con quelli da lavoro per i pensionati con questa misura.

Nel dettaglio rispondiamo ad un nostro lettore che ci scrive:

Buona giornata Dott.ssa Del Pidio,

in merito all’articolo appena pubblicato relativo al divieto di cumulo redditi da lavoro con quota 100 si fa unicamente riferimento a questi ultimi.

Ma se il pensionato possiede altri redditi come ad esempio interessi da BTP ,oppure altra tipologia di reddito non lavorativo rischia anche  in questo caso la sospensione della pensione? Grazie per la chiarezza e l’impareggiabile professionalità  delle risposte fornite.

Pensione quota 100 e redditi

Il rischio di sospensione della pensione quota 100 opera solo quando si cumulano con quelli da pensione i redditi da lavoro diversi da quelli derivanti da lavoro autonomo occasionale nel limite dei 5000 euro l’anno.

I redditi personali che possono derivare, ad esempio, da immobili locati, rendite, pensioni integrative, investimenti, non hanno alcun influenza sul divieto di cumulo. Gli unici redditi che risultano incumulabili, quindi, sono quelli che derivano da qualsiasi attività lavorativa (con l’eccezione sopra riportata).

Nello specifico la circolare INPS 117 del 2019 al punto 1.1  elenca quali sono i redditi incumulabili con la pensione quota 100, oltre a quelli derivanti dal lavoro dipendente ed autonomo:

  • compensi percepiti per l’esercizio di arti;
  • redditi di impresa connessi ad attività di lavoro, nonché le partecipazioni agli utili derivanti da contratti di associazione in partecipazione nei casi in cui l’apporto è costituito dalla prestazione di lavoro (cfr. il messaggio n. 59 del 12 marzo 1997). Ove non sia svolta attività lavorativa, gli interessati potranno rendere la dichiarazione di responsabilità in ordine alla qualità di socio che partecipa con capitale senza espletare attività lavorativa. In tali casi le Strutture territoriali considereranno il
  • reddito conseguito come reddito da capitale e, quindi, cumulabile con la prestazione pensionistica (cfr. il messaggio n. 292 del 31 ottobre 2001);
  • diritti di autore;
  • brevetti.

WhatsApp
Telegram
Consulenza fiscale

Invia il tuo quesito a [email protected]
I nostri esperti risponderanno alle domande in base alla loro rilevanza e all'originalità del quesito rispetto alle risposte già inserite in archivio.

Concorso ordinario secondaria, EUROSOFIA: Il 3 febbraio non perderti il webinar gratuito a cura della Prof.ssa Maria Grazia Corrao