Argomenti Consulenza fiscale

Tutti gli argomenti

Pensione quota 100 o 102 con 40 anni di contributi: i due anni in più si perdono?

WhatsApp
Telegram

Se si accede alla quota 100 o 102 con 40 anni di contributi concorrono tutti al calcolo del trattamento spettante?

La quota 100 è una misura previdenziale che è scaduta lo scorso 31 dicembre. Resta ancora accessibile solo per chi ha compiuto i 62 anni e perfezionati i 38 anni di contributi richiesti entro la data di scadenza suddetta. Ma cosa accade a chi accede alla misura avendo più di 38 anni di contributi? Scopriamolo rispondendo alla domanda di un nostro lettore che chiede:

È  possibile sapere se un dipendente degli enti pubblici più  anche invalido andando in pensione con quota 100 ma avendo 40 anni di servizio e 62 anni di età  i due anni in più  li perde oppure no?

Quota 100, contributi e calcolo

Se ha compiuto i 62 anni entro il 31 dicembre 2021 può ancora accedere alla quota 100. In caso li abbia compiuti nel 2022, invece, la misura le è preclusa. La sua domanda non è chiarissima, ma se si riferisce al calcolo della importo della pensione in relazione ai 38 anni di contributi richiesti per l’accesso mi sento di tranquillizzarla fin da subito.

I 38 anni di contributi, infatti, sono solo un paletto limite stabilito per poter accedere alla misura. Diverso, invece, il discorso del calcolo della pensione spettante. L’importo della pensione, sempre, viene determinato sulla base dei reali contributi versati al momento della decorrenza del trattamento. Ovviamente influenzano il calcolo anche le retribuzioni su cui i contributi sono stati versati e l’età di accesso al trattamento.

In ogni caso se si accede alla quota 100, così come alla quota 102, con 40 anni di contributi, indipendentemente dal settore lavorativo e dalle condizioni fisiche del lavoratore, la pensione spettante è calcolata su tutti i 40 anni di contributi versati e non sui 38 anni minimi richiesti per l’accesso stesso. Per rispondere alla sua domanda, quindi, i due anni in più versati non vanno perduti ma concorrono al calcolo del trattamento.

WhatsApp
Telegram
Consulenza fiscale

Invia il tuo quesito a [email protected]
I nostri esperti risponderanno alle domande in base alla loro rilevanza e all'originalità del quesito rispetto alle risposte già inserite in archivio.

“Come compilare il nuovo pei pagina dopo pagina”. Corso tecnico/pratico di Eurosofia a cura di Evelina Chiocca, Ernesto Ciracì, Walter Miceli