Pensione Quota 100 e contributi figurativi, la circolare fa chiarezza

di Consulente Fiscale

item-thumbnail

Pensione Quota 100, i contributi figurativi (disoccupazione, mobilita’, ecc), rientrano nel requisito contributivo richiesto di 38 anni? La circolare

Buongiorno, vi chiedo se a seguito della circolare Inps per accedere a “quota cento” se si è  fatta chiarezza circa l’utilizzo di tutti i contributi figurativi (cassa integrazione, mobilità,  lavori socialmente utili).
Grazie!

Pensione Quota 100 e contributi figurativi

Il DL 4/2019 contenente la riforma pensione con quota 100, non riporta nessun limite per il raggiungimento del requisito contributivo di 38 anni richiesto. La misura nella fase di realizzazione ha subito molti cambiamenti, inizialmente si parlava di 2/3 anni di contributi figurativi, fino ad arrivare nel decreto e nella circolare Inps n.11 del 28 gennaio 2019 senza nessun limite per i contributi figurativi,  tutti i contributi di qualsiasi titolo sono utili alla formazione del requisito richiesto. La circolare recita:  “Ai fini del perfezionamento del requisito contributivo è valutabile la contribuzione a qualsiasi titolo versata o accreditata in favore dell’assicurato, fermo restando il contestuale perfezionamento del requisito di 35 anni di contribuzione utile per il diritto alla pensione di anzianità, ove richiesto dalla gestione a carico della quale è liquidato il trattamento pensionistico”.

Inoltre, e’ stato previsto l’utilizzo del cumulo contributivo gratuito, per i lavoratori che hanno avuto carriere lavorative discontinue.

Invia il tuo quesito a [email protected]

I nostri esperti risponderanno alle domande in base alla loro rilevanza e all'originalità del quesito rispetto alle risposte già inserite in archivio

Versione stampabile
Argomenti: