Argomenti Consulenza fiscale

Tutti gli argomenti

Pensione quota 100 dirigenti scolastici con finestra nel 2022: chiarimenti

Stampa

Pensione quota 100 con finestra di uscita nel 2022: cosa accade ai dirigenti scolastici che raggiungono i requisiti entro la fine del 2021?

La quota 100 sta per scadere e dal 1 gennaio 2022 non sarà più accessibile. La preoccupazione di tutti coloro che cristallizzano i requisiti di accesso alla misura entro la fine del 2021 è di non poterne fruire a causa dello slittamento del pensionamento per le finestre di uscita nel 2022. Rispondiamo ad un nostro lettore che ci scrive:

Buongiorno,

 sono un Dirigente scolastico.

 A Novembre di quest’anno (2021) compio 62 anni ed ho già maturato a fine Agosto 40 anni di contributi, dunque posso aderire a quota 100.

Come tutti sappiamo la scadenza di quota 100 è fissata al 31 Dicembre 2021 ed io sto valutando l’ipotesi di effettuare richiesta di adesione entro questa data.

Ho però notizie contrastanti in merito; alcuni sostengono che si potrà accedere a quota 100, per quest’ultimo anno in corso, facendo domanda entro il 31 Dicembre, mentre altri ( ho sentito un patronato) sostengono che la finestra di uscita per i Dirigente Scolastici è fissata a Febbraio e dunque nel mio caso non potrei più accedere a quota 100 perchè la finestra si aprirebbe dopo la scadenza che prevede lo stop a quota 100 nel Dicembre 2021.

 Potreste chiarirmi questo dubbio? Ossia, noi Dirigente scolastici non possiamo più aderire a quota 100, anche se ancora in vigore, oppure come io credo si potrà comunque effettuare richiesta entro Dicembre 2021?.

Inoltre desidererei avere notizie in merito alla validità della “cristallizzazione”, ossia alla possibilità di mantenere i diritti acquisiti per fruire della quota 100, per chi ne era in possesso al 31 Dicembre 2021, anche successivamente alla data di scadenza.

Vi ringrazio molto ed anticipatamente per la vostra risposta.

 Grazie

Pensione quota 100 dirigenti scolastici

A mio avviso il problema che sta sollevando riguarda non solo i dirigenti scolastici ma anche tutti coloro che, pur maturando i requisiti di accesso alla misura entro il 31 dicembre 2021, vedono slittare a causa delle finestre di uscita nel 2022. E’ il caso, quindi, anche dei docenti e del personale ATA che avrebbero finestra di uscita il 1 settembre 2022, o del personale del pubblico impiego che deve rispettare la finestra di attesa di 6 mesi e anche del personale del settore privato che, raggiungendo i requisiti tra ottobre e dicembre 2021, uscirebbe sempre nel 2022 a causa della finestra di 3 mesi.

A tal proposito il decreto 4/2019 parla abbastanza chiaro affermando, al comma 1 dell’articolo 14, che  “possono conseguire il diritto alla pensione anticipata al raggiungimento di un’età anagrafica di almeno 62 anni e di un’anzianità contributiva minima di 38 anni, di seguito definita pensione quota 100. Il diritto conseguito entro il 31 dicembre 2021 può essere esercitato anche successivamente alla predetta data, ferme restando le disposizioni del presente articolo.”.

Il diritto alla pensione quota 100, quindi, si consegue compiendo i 62 anni e maturando i 38 anni di contributi entro il 31 dicembre 2021 e tale diritto, così come previsto dall’articolo citato, può essere esercitato anche dopo la scadenza della misura.

Il diritto acquisito, cristallizzato quindi, è previsto dallo stesso decreto che ha introdotto la quota 100 nel 2019 permettendo di fatto a tutti coloro che entro la scadenza della misura hanno raggiunto i requisiti richiesti per l’accesso, di potersi pensionare anche negli anni seguenti.

I dirigenti scolastici, così come tutto il personale della scuola, non possono scegliere di accedere alla pensione  quando lo desiderano ma devono attendere l’unica finestra di uscita il 1 settembre di ogni anno. Per i dirigenti che desiderano pensionarsi il 1 settembre 2022, tra l’altro, la domanda di cessazione dal servizio va presentata presumibilmente (visto che per l’ufficialità è da attendere le istruzioni del MIUR di fine anno) entro la fine di febbraio 2022 e questo fa comprendere che il pensionamento con la quota 100 il 1 settembre 2022 sarà possibile.

 

Stampa
Consulenza fiscale

Invia il tuo quesito a [email protected]
I nostri esperti risponderanno alle domande in base alla loro rilevanza e all'originalità del quesito rispetto alle risposte già inserite in archivio.

Nel prossimo incontro de L’Eco digitale di Eurosogia parleremo di: “Il coding nella scuola del primo ciclo: imparare divertendosi”