Pensione quota 100, Anief: docenti scoraggiati dalla riduzione dell’assegno

Messaggio sponsorizzato

item-thumbnail

Comunicato ANIEF – Siamo molto lontani dai 50 mila attesi, perché qualche anno di anticipo comporta la percezione a vita di un assegno più basso.

Marcello Pacifico (Anief): Il pre-prepensionamento è davvero troppo penalizzante. Perché ti manda in pensione a 62 anni con 38 di contributi anche con poco più di mille euro al mese. Ciò malgrado si tratti di un lavoro usurante ed il personale scolastico meriti di accedere all’Ape Social.

Per comprendere i meccanismi di calcolo della riduzione dell’assegno con quota 100 è possibile rivolgersi a CedanS.r.l.s.: c’è tempo fino alle ore 23.59 del 28 febbraio.

Procede a gonfie vele la richiesta di accesso a quota 100. Ma non tra il personale scolastico:l’Inps ha comunicato che delle 49.922 domande presentate,solo 17.077 arrivano da lavoratori pubblici. Quelle dei dipendenti della scuola, scrive oggi Orizzonte Scuola, sarebbero quindi appena 6.000. “Il numero è ricavato dalla proporzione fra il numero delle domande arrivate all’Inps (poco) e il peso del personale scolastico sul pubblico impiego che è di circa un terzo”, spiega la rivista specializzata.

“Anche se dal comparto scuola, le stime parlavano di circa 50.000 domande potenziali, va ricordato che c’è ancora un po’ di tempo per presentare le richieste”, ovvero fino al 28 febbraio prossimo. “Inoltre, il testo è ancora in discussione in Parlamento per la conversione in legge e comunque per i dipendenti della scuola l’uscita dal lavoro si concretizzerà non prima dell’inizio del prossimo anno didattico”. Ma perché, a pochi giorni dalla scadenza, sono così pochi gli insegnanti e i lavoratori Ata ad avere aderito all’anticipo pensionistico introdotto dal governo giallo-verde con il decreto n. 4 del 28 dicembre scorso ed entrato in vigore un mese dopo?

Il punto è che “il ricorso alla quota 100 per lasciare la scuola con qualche anno di anticipo comporta la percezione a vita di un assegno più basso.La riduzione dell’importo è dovuta a una questione meramente matematica: con il sistema contributivo, la pensione è in relazione ai contributi versati. Quindi se si decide di uscire prima dal lavoro, si decide nello stesso tempo di smettere di versare contributi e quindi la pensione più bassa di quella di chi decide di lavorare (e versare contributi) ancora per qualche anno”.

Erano corretti quindi i calcoli dell’Ufficio parlamentare di Bilancio che, in tempi non sospetti, ha reso pubbliche le possibilità per tanti dipendenti di aderire a quota 100 ritrovandosi con una pensione decisamente light, con un il taglio dell’assegno che varia «da circa il 5% in caso di anticipo solo di un anno a valori oltre il 30% se l’anticipo è di oltre 4 anni», erano quindi più che veritieri. L’importo mensile del pensionato che aderisce a questa opportunità, varia quindi tra il 5% in caso di anticipo di un anno sino ad“oltre il 30% se l’anticipo è di oltre 4 anni”.

“Premesso che non vi sarà alcun turn over se il Ministero dell’Istruzione non dovesse riaprire subito le GaE e stabilizzare i precari con 36 mesi di servizio – commenta Marcello Pacifico, presidente nazionale Anief -, va ricordato che quota 100 risulta davvero troppo penalizzante. Perché ti manda in pensione a 62 anni con 38 di contributi anche con poco più di mille euro al mese. E questo non è giusto”.

“Stiamo parlando di una professione particolare: chi opera nella scuola è sottoposto ad uno stress psico-fisico derivante dal rapporto diretto con gli studenti. È un lavoro usurante, non solo per chi opera nei nidi e nella scuola dell’infanzia: anche i docenti della primaria e della secondaria dovrebbero accedere all’Ape Social. Dando così loro la possibilità di lasciare il servizio a 62- 63 anni così come avviene ancora oggi in Europa. E senza alcuna decurtazione”, conclude il presidente Anief.

Per qualsiasi informazione relativa alle pensioni – si ricorda che lacircolare ministeriale n. 4644 chiarisce i requisiti per lasciare il servizio – è possibile presentare domandafino al 28 febbraio attraverso il sistema Polis; si consiglia di contattare la sede Cedan S.r.l.s. più vicina e visitare il sito internet della struttura. Chiedi un’informazione o una consulenza anche via e-mail all’indirizzo   [email protected] oppure chiama il numero 091 7098356.

È inoltre possibile aderire al ricorso predisposto per Radamante, al fine di recuperare la liquidazione sottratta tra il 2011 e il 2012 al momento del suo versamento, cioè il 2,69% dell’importo previsto nel biennio.

Versione stampabile
Argomenti: