Argomenti Consulenza fiscale

Tutti gli argomenti

Pensione per chi non ha mai lavorato: si può cumulare a quella del coniuge?

Stampa

Se non hai mai versato contributi per garantirti una pensione è necessario scegliere tra diverse soluzioni, quasi sempre onerose.

A chi non svolge lavoro non spetta una pensione al compimento dei 67 anni poiché la pensione di vecchiaia viene erogata solo a chi versa contributi. Nel caso della casalinga in quali modalità è possibile ottenere una pensione al compimento dell’età richiesta? Scopriamolo rispondendo ad una nostra lettrice:

Salve sono una casalinga volevo sapere cosa devo fare per poter avere un giorno una pensione che non si cumuli a quella di mio marito . Grazie infinite 

Pensione per chi non lavora

Quello che può fare dipende principalmente dall’età che ha, visto che non la specifica. In linea generale se è sempre stata casalinga e non ha mai lavorato si ritrova a non avere contributi e proprio per questo motivo al compimento dei 67 anni non le spetterà nessuna pensione (l’assegno sociale non potrebbe averlo poiché con i redditi di suo marito, molto probabilmente, supererebbe i limiti previsti per il diritto).

Come fare per garantirsi una pensione a 67 anni che non dipenda dai redditi del marito? Le strade sono diversi ma in ogni caso vanno versati contributi. Se è abbastanza giovane e le mancano almeno 20 anni per raggiungere i 67 anni una scelta potrebbe essere quella di lavorare e versare contributi effettivi per almeno 20 anni, ma se ha sempre fatto la casalinga potrebbe non essere questa la strada che vorrebbe percorrere.

L’altra alternativa è quella di effettuare l’iscrizione nel fondo casalinghe e iniziare a versare contributi: anche se a copertura di un mese il fondo richiede solo 25 euro circa (si tratta di 310 euro l’anno se si versa il minimo) versando cifre così basse si troverebbe ad avere una pensione sì, ma dall’importo ridicolo. Se riesce a versare nel fondo almeno 20 anni di contributi con importi da 300 euro al mese (3600 euro l’anno) si troverebbe ad avere una pensione di circa 350 euro mensili.

L’ultima alternativa, quella che a mio avviso può risultare la più conveniente, è meditare di aderire ad una pensione complementare: in questo caso può decidere insieme al fondo stesso quanto versare mensilmente e sapere, subito, a quanto ammonterebbe la pensione che andrebbe a prendere al compimento di una determinata età. Ma anche in questo caso la scelta è fattibile solo se le manca un buon lasso di tempo dalla pensione altrimenti si troverebbe costretta a versare importi molto alti mensilmente per garantirsi una pensione dignitosa.

Stampa
Consulenza fiscale

Invia il tuo quesito a [email protected]
I nostri esperti risponderanno alle domande in base alla loro rilevanza e all'originalità del quesito rispetto alle risposte già inserite in archivio.

Acquisisci 6 punti con il corso Clil + B2 d’inglese. Contatta Eurosofia per una consulenza personalizzata