Argomenti Consulenza fiscale

Tutti gli argomenti

Pensione gravosi 2023: i 7 anni di lavoro gravoso negli ultimi 10 anni devono essere continuativi?

WhatsApp
Telegram

L’interruzione nello svolgimento del lavoro gravoso non inficia l’accesso alla QUota 41 se si possono vantare 7 anni di mansione gravosa nei 10 che precedono il pensionamento.

Anche nel 2023 i lavoratori precoci potranno andare in pensione con 41 anni di contributi se rientrano in un determinato profilo di tutela. Vediamo nello specifico cosa è richiesto ai lavoratori gravosi per l’accesso alla quota 41 rispondendo alla domanda di una nostra lettrice:

Buonasera ho 57 anni d’età e circa 40 anni di contributi , ho iniziato a lavorare in regola a 15 anni, da 18 anni lavoro come ausiliaria socio assistenziale presso una RSA per anziani, avrei diritto alla quota 41 come precoce e gravoso? Il fatto di essermi licenziata nell’ottobre del 2018 per problemi familiari ed essere stata riassunta nella medesima struttura a marzo 2020 può essere motivo di non accettazione della domanda gravosi? cioè i 7 anni lavorati negli ultimi 10 devono essere continuativi senza interruzioni?

Quota 41 gravosi

Ai lavoratori gravosi è richiesto di aver svolto la mansione gravosa o per almeno 6 anni nei 7 anni che precedono la domanda di pensione o, in alternativa, per almeno 7 anni nei 10 anni che precedono la domanda.

La normativa non parla di anni continuativi e per nessun motivo l’interruzione di un anno nel lavoro gravoso le impedirà di accedere alla misura. L’importante è che lei nei 10 anni che precedono il pensionamento abbia svolto, in via continuativa o meno, la mansione gravosa in questione. Anche se ci sono state interruzioni.

WhatsApp
Telegram
Consulenza fiscale

Invia il tuo quesito a [email protected]
I nostri esperti risponderanno alle domande in base alla loro rilevanza e all'originalità del quesito rispetto alle risposte già inserite in archivio.

Abilitazione all’insegnamento 30 CFU. Corsi Abilitanti online attivi! Università Dante Alighieri