Argomenti Consulenza fiscale

Tutti gli argomenti

Pensione e requisiti contributivi minimi: il riscatto laurea concorre al raggiungimento dei 35 anni?

Stampa
contributi figurativi

Il riscatto laurea concorre al raggiungimento dei 35 anni di contributi richiesti per l’accesso alla pensione?

Stimatissima Dott.ssa Del Pidio,
Le scrivo in merito al raggiungimento del quorum minimo dei 35 anni per poter accedere ai diritti pensionistici.
Nell’ambito del pubblico impiego ,gestione ex. INPDAP, se si hanno 31 anni di lavoro effettivo + 4 anni di laurea già riscattati nell’anno 1991, la quota dei 35 anni risulta raggiunta?Mi spiego meglio : il riscatto quadriennale della laurea contribuisce a tutti gli effetti al conseguimento  della quota dei 35 anni minima richiesta?
La ringrazio di cuore per la risposta.
Con stima.

Molte misure previdenziali richiedono tra i requisiti di accesso che almeno 35 anni di contribuzione versata siano raggiunti come richiesto dalla vecchia pensione di anzianità, ovvero senza tener conto di eventuali contributi figurativi derivanti dalla disoccupazione indennizzata e dalla malattia.

E’ il caso dell’opzione donna per la quale tutti e 35 gli anni di contributi richiesti devono essere raggiunti in questo modo. Ma anche della quota 100: pur richiedendo la misura 38 anni di contribuzione, almeno 35 anni di contributi  devono essere esenti della contribuzione figurativa poc’anzi menzionata.

Per quanto riguarda gli anni di contributi derivanti dal riscatto della Laurea, questi vanno considerati alla stregua di contributi versati per lavoro dipendente e, quindi, rientrano tranquillamente nel conteggio dei 35 anni a qualsiasi misura previdenziale ci si riferisca.

Se, quindi, lei è in possesso di 31 anni di contributi da lavoro effettivo e 4 anni riscattati per la laurea, potrebbe tranquillamente accedere, ad esempio, all’opzione donna se è in possesso anche dei 58 anni richiesti alle lavoratrici dipendenti.

Con 35 anni di contribuzione, in ogni caso, l’unico diritto previdenziale esercitabile è proprio quello dell’opzione donna, visto che nessuna altra misura richiede una contribuzione così bassa (fatta eccezione per le pensione di vecchiaia e l’Ape sociale).

Stampa
Consulenza fiscale

Invia il tuo quesito a [email protected]
I nostri esperti risponderanno alle domande in base alla loro rilevanza e all'originalità del quesito rispetto alle risposte già inserite in archivio.

Eurosofia organizza la III edizione di [email protected] Aiutiamo i giovani a progettare il loro futuro in modo consapevole