Argomenti Consulenza fiscale

Tutti gli argomenti

Pensione di vecchiaia senza i 20 anni di contributi: si possono riscattare?

Stampa

Si possono raggiungere i 20 anni di contributi necessari per la pensione di vecchiaia con i contributi da riscatto?

Per chi non raggiunge i 20 anni di contributi potrebbe risultare difficile accedere alla pensione di vecchiaia (che richiede, come requisito cardine, proprio la maturazione dei 20 anni di contribuzione versata). In alcuni casi si può aggirare l’ostacolo ricorrendo al riscatto dei contributi. Scopriamo quali sono i periodi riscattabili rispondendo alla domanda di una nostra lettrice che chiede:

Pare che per avere la pensione di vecchiaia mancano tre settimane si possono riscattare e quanto mi costerebbe? grazie

Pensione di vecchiaia

Ovviamente se mancano dei periodi per raggiungere il requisito di accesso alla pensione di vecchiaia si può procedere certamente al riscatto dei contributi ma si deve essere in possesso di periodi riscattabili.

Non è possibile, infatti, riscattare qualsiasi periodo scoperto da contributi obbligatori. Vediamo quali sono i periodi che possono essere riscattati:

  • il corso legale di laurea, le lauree brevi e i titoli di studio ad esse equiparati;
  • l’attività lavorativa svolta all’estero in Paesi non convenzionati;
  • l’astensione facoltativa per maternità che si colloca al di fuori del rapporto di lavoro;
  • gli anni di praticantato effettuati dai Promotori finanziari;
  • l’attività svolta con contratto di collaborazione coordinata e continuativa per periodi antecedenti il 1.4.1996;
  • i periodi non lavorati e privi di contribuzione previsti da specifiche disposizioni di legge e comunque successivi al 31.12.1996;
  • periodi di lavoro svolto con contratto part time;
  • i periodi di lavoro socialmente utili per la copertura delle settimane utili per il calcolo della misura delle pensioni
  • ulteriori periodi di riscatto previsti da specifiche disposizioni di legge.

In ogni caso se non sta versando contribuzione obbligatoria da lavoro è possibile procedere anche con il versamento dei contributi volontari per recuperare le 3 settimane mancanti.

Nel caso dei contributi da riscatto calcolare l’importo non è facilissimo visto che bisogna considerare diversi fattori, per quanto riguarda i contributi volontari, invece, l’INPS farà riferimento alle retribuzioni delle ultime 52 settimane lavorate.

Stampa
Consulenza fiscale

Invia il tuo quesito a [email protected]
I nostri esperti risponderanno alle domande in base alla loro rilevanza e all'originalità del quesito rispetto alle risposte già inserite in archivio.

Didattica inclusiva attraverso alcune figure del mito greco. Corso online riconosciuto dal Ministero dell’istruzione