Argomenti Consulenza fiscale

Tutti gli argomenti

Pensione con quota 82: scopriamo di cosa si tratta veramente

WhatsApp
Telegram

Non esiste una pensione che si chiama quota 82, nome dato al contratto di espansione da qualche giornalista fantasioso.

Ormai sembra essere una moda quella di chiamare le prestazioni previdenziali  come “quota…”. Dopo la quota 100, la quota 41, l’ormai desueta quota 96, arriva il prossimo anno la quota 102. Ma non bastano le misure che già esistono con questo nome, sembra essere trendy (oppure è solo un modo per incuriosire maggiormente) chiamarci anche le misure che un proprio nome già lo hanno. Destabilizzando non poco i lavoratori.

Rispondiamo ad una nostra lettrice che ci chiede:

Buongiorno, ho letto sul web che anche il prossimo anno sarà possibile utilizzare la quota 82 per andare in pensione. Io sinceramente questa pensione non l’avevo mai sentita ma visto che esiste sapete dirmi se posso accederci? Sono una insegnante della scuola superiore che ha compiuto 62 anni e ho oltre 20 anni di contributi (quindi alla quota 82 ci arrivo).

Pensione quota 82, ma cosa è?

Ha ragione ad affermare che non ha mai sentito parlare di una quota 82 visto che non esiste nessuna misura con questo nome. Probabilmente chi ha scritto l’articolo che ha letto voleva attirare l’attenzione rinominando in questo modo il contratto di espansione che permette di accedere al prepensionamento con uno scivolo di 5 anni (di fatto rispetto alla pensione di vecchiaia si può accedere con 62 anni di età e con 20 anni di contributi…che sommati danno come risultato, proprio 82).

Purtroppo il contratto di espansione non permette l’accesso ai dipendenti della pubblica amministrazione visto che riversa il costo dell’anticipo sul datore di lavoro. Per il 2021 è riservato alle aziende che hanno almeno 100 dipendenti mentre nel 2022 potrebbe essere ampliato ricomprendendo anche le aziende con almeno 50 dipendenti.

Di fatto, quindi, lei non può usufruire di questo scivolo pensionistico essendo una dipendente della pubblica amministrazione. Con i suoi requisiti anagrafici e contributivi presumo dovrà attendere di compiere i 67 anni per poter accedere alla quiescenza. L’unica alternativa alla pensione di vecchiaia potrebbe essere offerta dalla pensione anticipata contributiva a patto che:

  • tutti i suoi contributi siano stati versati a partire dal 1996 (o che possa esercitare il computo in Gestione Separata)
  • che l’importo dell’assegno previdenziale spettante sia pari o superiore a 2,8 volte l’importo dell’assegno sociale (una pensione di circa 1280 euro mensili).

WhatsApp
Telegram
Consulenza fiscale

Invia il tuo quesito a [email protected]
I nostri esperti risponderanno alle domande in base alla loro rilevanza e all'originalità del quesito rispetto alle risposte già inserite in archivio.

Preparazione concorsi scuola: news webinar Infanzia e Primaria! Prepara anche Secondaria e DSGA