Pensione con il cumulo gratuito: quando viene pagato il TFS

di Consulente Fiscale

item-thumbnail

Pensione con cumulo gratuito dei contributi: i dipendenti statali dovranno attendere molto per la liquidazione del TFS, ecco perchè.

Buongiorno, sono un ex dipendente pubblico.

Sono andato in pensione il 01 07 2018, con 44 anni di servizio e 63 di età.
Ho usufruito della ricongiunzione gratuita di anni 2 circa fatta nel privato. Mi è stato detto che, avendo usufruito di questa legge (vedi contributi gratuiti), la liquidazione mi sarà data fra 4 anni.  Cosa c’è di vero? Grazie attendo una VOSTRA risposta.

Con il cumulo gratuito dei contributi è possibile sommare spezzoni contributivi presenti in diverse gestioni pensionistiche senza ricorrere alla ricongiunzione onerosa nè alla totalizzazione che, pur essendo gratuita, prevede il ricalcolo gratuito dell’assegno pensionistico.

Per i dipendenti del settore pubblico, però, non sempre il cumulo può essere economicamente conveniente poichè influisce negativamente sulla liquidazione del trattamento di fine servizio.

Di solito, infatti, i termini di decorrenza per l’erogazione del TFS decorrono dalla data della cessazione di servizio. Per chi accede alla pensione con il cumulo gratuito, invece, i termini decorrono dal raggiungimento dell’età d’accesso alla pensione di vecchiaia.

A prevederlo l’articolo 1 comma 196  della legge 232 del 2016: per chi fruisce del cumulo gratuito dei contributi il TFS non è pagabile prima che siano trascorsi 12 mesi dal compimento dell’età anagrafica per accedere alla pensione di vecchiaia.

Nel suo caso, quindi, dovrà attendere i 4 anni per compiere i 67 anni e i successivi 12 mesi per la liquidazione del TFS.

Invia il tuo quesito a [email protected]

I nostri esperti risponderanno alle domande in base alla loro rilevanza e all'originalità del quesito rispetto alle risposte già inserite in archivio

Versione stampabile
Argomenti: