Pensione con 41 anni di contributi e finestra di tre mesi, i requisiti del 2019

di Consulente Fiscale

item-thumbnail

Pensione con 41 anni di contributi dopo la Naspi, quale finestre di uscita e quali requisiti nel 2019? Tutte le informazioni utili.

Buon Anno, pochi minuti fa ho compiuto 41 anni di contributi, sono in naspi da 16 mesi e mi chiedo se a settembre potrò fare domanda da precoce avendo i 41 con 58 anni già compiuti. Cosa posso fare finita la naspi? Alla mia età nessuno mi prende purtroppo. Grazie

Il decreto pensioni, all’art. 17 – Abrogazione incrementi età pensionabile per effetto aumento speranza di vita per i lavoratori precoci, recita che “per i soggetti che maturano i requisiti […] a decorrere dal 1° gennaio 2019, conseguono il diritto alla decorrenza del trattamento pensionistico trascorsi tre mesi dalla data di maturazione dei requisiti stessi.

Questo significa che dalla maturazione dal requisito richiesto di 41 anni di contributi indipendentemente dall’età, e di almeno un anno di contributi prima del compimento del 19° anno di età. Bisogna attendere tre mesi. Ricordiamo che possono fare domanda coloro che si trovano nelle categorie di tutela (disoccupati, invalidi con il 74%, caregiver, lavoro gravoso/usurante).

Nel caso specifico, possono fare domanda:

  • lavoratori dipendenti in stato di disoccupazione per cessazione del rapporto di lavoro a seguito di licenziamento, anche collettivo, dimissioni per giusta causa o risoluzione consensuale e che non percepiscono più da almeno tre mesi la prestazione per la disoccupazione loro spettante.

Quindi, oltre ad attendere i tre mesi della Naspi, bisogna attendere altri tre mesi, come riporta il decreto.

Invia il tuo quesito a [email protected]

I nostri esperti risponderanno alle domande in base alla loro rilevanza e all'originalità del quesito rispetto alle risposte già inserite in archivio

Versione stampabile
Argomenti: