Argomenti Consulenza fiscale

Tutti gli argomenti

Pensione con 15 anni di contributi, mi spetta a 71 anni?

Stampa
Pensione Opzione donna

Spetta la pensione al compimento dei 71 anni a chi ha versato almeno 15 anni di contributi?

Per i lavoratori che non riescono a raggiungere i 20 anni di contributi trovare il modo di pensionarsi può essere anche abbastanza arduo. E’ pur vero che esiste la pensione di vecchiaia contributiva che permette l’accesso a 71 anni ma è anche vero che questa misura consente l’accesso solo a coloro che hanno versato tutti i propri contributi nel sistema di calcolo contributivo.

Rispondiamo ad una nostra lettrice che ci chiede:

Salve,
ho lavorato come dipendente provinciale fino al 1988 e successivamente ho versato 4 anni di contribuzione volontaria a partire dal 31/3/2004 e terminando il 30/6/2008. 
Ho così maturato in complesso 15 anni di contributi: 11 anni lavorando come dipendente pubblica (n. 612 contributi settimanali nella gestione dei lavoratori dipendenti pubblici) e 4 anni di contributi volontari (n. 208 contributi settimanali come versamenti volontari).
Ora mi chiedo: ho diritto alla pensione a 71 anni (che compirò nel febbraio 2022)?
Resto a disposizione per ulteriori chiarimenti e vi ringrazio.

Pensione a 71 anni?

Nella sua situazione attuale la pensione non spetta neanche al compimento dei 71 anni. Quella misura, infatti permette l’accesso solo a chi ha versato tutti i propri contributi a partire dal 1996 ed invece lei ne ha versati anche prima di quella data.

L’accesso a questo tipo di pensione, però, è concesso anche a chi esercita il computo nella Gestione Separata poichè di fatto sposta i contributi versati prima del 1996 nel sistema contributivo e rientra, così, nella possibilità di pensionamento.

Per poter effettuare il computo, però, è necessario avere una posizione aperta nella Gestione Separata in cui siano stati versati dei contributi ed è necessario rispettare alcuni specifici requisiti:

  • essere in possesso di almeno 15 anni di contributi (e ci rientra)
  • essere in possesso di meno di 18 anni di contributi al 31 dicembre 1995 (e ci rientra)
  • aver versato contributi prima del 1996 (e ci rientra)
  • avere almeno 5 anni di contributi versati a partire dal 1 gennaio 1996 (le mancherebbe un anno di contributi)

Di fatto, quindi, se riesce a versare almeno 1 anno di contributi nella Gestione Separata INPS potrebbe accedere alla pensione a 71 anni (o forse a 71 anni e mezzo perchè non riuscirebbe a versare un anno di contributi entro febbraio 2022).

Il mio consiglio nel suo caso è di capire se è possibile aprire una posizione in Gestione Separata e prima di aprirla rivolgersi ad un patronato per capire se è in possesso dei requisiti oggettivi richiesti per poter esercitare il computo in questa Gestione. In caso contrario non avrà diritto alla pensione neanche al compimento dei 71 anni.

Stampa
Consulenza fiscale

Invia il tuo quesito a [email protected]
I nostri esperti risponderanno alle domande in base alla loro rilevanza e all'originalità del quesito rispetto alle risposte già inserite in archivio.

Corso di perfezionamento in Metodologia CLIL: acquisisci i 60 CFU con Mnemosine, Ente accreditato Miur