Argomenti Consulenza fiscale

Tutti gli argomenti

Pensione con 10 anni di contributi: quali possibilità?

WhatsApp
Telegram

Cosa spetta al cittadino con soli 10 anni di contributi al compimento dei 67 anni? Se non si ha diritto alla pensione di vecchiaia, quando spetta l’assegno sociale.

Non tutti al compimento dei 67 anni hanno diritto alla pensione di vecchiaia. Contrariamente a quello che molti pensano, infatti, la pensione non spetta a chi non ha versato abbastanza contributi e non versa in condizioni economiche disagiate. Rispondiamo ad una nostra lettrice che ci scrive:

Buongiorno…A Luglio di quest’anno compio 60 anni, ho contributi dal 1977 al 1987, come sarei messa con la pensione? Grazie

Pensione con 10 anni di contributi

La pensione di vecchiaia spetta solo a coloro che hanno versato almeno 20 anni di contributi e viene riconosciuta al compimento dei 67 anni. In alcuni casi, previsti da 3 deroghe contenute nella Legge Amato del 1992, l’accesso è consentito anche con solo 15 anni di contributi.

Per chi ha versato meno anno rispetto a quelli minimi richiesti è possibile accedere al pensionamento solo al compimento dei 71 anni, quando sono richiesti almeno 5 anni di contributi. Ma in questo caso la pensione è riconosciuta solo se i contributi sono stati versati a partire dal 1996.

Nel suo caso i 10 anni di contributi che ha maturato non le sono utili alla pensione. E’ pur vero che avendo solo 60 anni potrebbe versare altri contributi (da lavoro o volontari) ma le occorrerebbero altri 10 anni di versamento per avere diritto alla pensione di vecchiaia.

Al compimento dei 67 anni, però, potrebbe avere diritto all’assegno sociale, una prestazione che è viene riconosciuta a chi, non avendo diritto alla pensione di vecchiaia, versa in una situazione economica di disagio. Questo significa che per avere diritto all’assegno sociale di 468 euro al mese per 13 mensilità, è necessario non solo non possedere redditi propri, ma anche che quelli dell’eventuale coniuge siano compresi nei limiti dettati dalla legge.

Se, quindi, è sposata con un uomo che lavora o che percepisce pensione oppure è vedova e percepisce pensione di reversibilità, molto probabilmente non avrà diritto all’assegno sociale che è riconosciuto solo in presenza di redditi pari a zero o, comunque, bassissimi.

WhatsApp
Telegram
Consulenza fiscale

Invia il tuo quesito a [email protected]
I nostri esperti risponderanno alle domande in base alla loro rilevanza e all'originalità del quesito rispetto alle risposte già inserite in archivio.

Concorso ordinario secondaria, EUROSOFIA: Il 3 febbraio non perderti il webinar gratuito a cura della Prof.ssa Maria Grazia Corrao