Pensione, come recuperare periodi di disoccupazione tra una supplenza e un’altra

Stampa

Pensioni dal 1° settembre 2021: il Prof. Renzo Boninsegna dello Snals Verona ci spiega la modalità per rendere utili ai fini della pensione statale periodi di disoccupazione pagati ai supplenti della scuola (docenti ed ATA) non ricongiungibili ai sensi art.2 legge n.29/79 e non valorizzabili con cumulo gratuito.

Numerosi supplenti della scuola docenti e ATA hanno ricevuto il pagamento dell’indennità di disoccupazione per periodi non lavorati tra una supplenza e l’altra. Hanno richiesto all’INPS Cassa Stato di ricongiungere tali contributi “D.S” ai sensi dell’art. 2 della legge n. 29/1979. ma l’INPS ha respinto tale domanda con la seguente motivazione:

Le settimane di disoccupazione non sono valide ai fini della ricongiunzione art. 2 legge 29/1979 in quanto non sorrette da almeno una settimana di contributi da OBG.

Ossia deve essere presente nell’estratto conto INPS un contributo obbligatorio come lavoro dipendente.

Precisazione

Dal 01/01/1988 tutti i supplenti della scuola anche per un solo giorno di supplenza hanno avuto i versamenti in “conto tesoro”cioè nell’attuale Cassa Stato, mentre prima del 01/01/1988 i contributi per le supplenze presso scuole statali venivano versati nella gestione privata.

E allora come recuperare questi periodi?

Ce lo spiega il prof. Boninsegna nell’apposita scheda

Stampa

Graduatorie terza fascia ATA: incrementa il punteggio con le offerte Mnemosine, Ente accreditato Miur