Pensione anticipata oppure Opzione donna: cosa conviene maggiormente

di Consulente Fiscale

item-thumbnail

L’opzione donna penalizza molto rispetto alla pensione anticipata, cerchiamo di capire il perchè e in quali casi.

Buongiorno, le scrivo per sottoporle un quesito che mi riguarda : sono nata nel aprile1959 , commerciante con 40 anni di contributi. Mi conviene optare per opzione donna o è meglio per me la pensione di anzianità? Io proprio non riesco a capire e Lei mi farebbe un grosso favore se mi potesse spiegare. Grazie

La pensione anticipata (che dal 2012 ha preso il posto della pensione di anzianità) richiede per l’accesso 41 anni e 10 mesi di contribuzione versata per le donne e 42 anni e 10 mesi per gli uomini. La misura non prevede alcuna penalizzazione nel calcolo dell’assegno che sarà, quindi, calcolato interamente sul montante contributivo nel seguente modo:

  • Per chi ha contribuzione versata solo dopo il 31 dicembre 1995 il calcolo della pensione sarà interamente contributivo.
  • Il calcolo retributivo resta per i contributi versati fino al 31 dicembre 2011 per chi aveva maturato 18 anni di contributi al 31 dicembre 1995.
  • Il calcolo retributivo per i contributi versati fino al 31 dicembre 1995 per tutti coloro che in tale data avevano contribuzione maturata ma non arrivavano ai  18 anni di contributi.

L’opzione donna, invece, richiede per l’accesso almeno 58 anni per le lavoratrici dipendenti e 59 anni per le autonome unitamente ad almeno 35 anni di contribuzione versata. Entrambi i contributi devono essere stati raggiunti al 31 dicembre 2018. La pensione erogata con questa misura prevede di solito una penalizzazione poichè l’assegno pensionistico è calcolato interamente con il sistema contributivo.

Avendo lei 40 anni di contributi maturati al 2019, significa che ha iniziato a versare la sua contribuzione nel 1979 e al 31 dicembre 1995 aveva 17 anni di contributi versati. Questo significa che per quei 17 anni le spetterebbe il calcolo retributivo che con l’opzione donna perderebbe.

Ovviamente con l’opzione donna potrebbe accedere fin da subito alla pensione mentre con l’anticipata dovrebbe attendere ancora 1 anno e 10 mesi di contributi maturati.

In base, però, alla convenienze della misura pensionistica io le consiglierei di attendere la pensione anticipata o, quanto meno, farsi fare una simulazione dal patronato su quale sarebbe l’assegno con l’opzione donna e quale con la pensione anticipata di modo che possa essere lei stessa a capire se l’anticipo vale la pena oppure la penalizza troppo.

Invia il tuo quesito a [email protected]

I nostri esperti risponderanno alle domande in base alla loro rilevanza e all'originalità del quesito rispetto alle risposte già inserite in archivio

Versione stampabile
Argomenti: