Pensione anticipata o quota 100: le differenze sull’assegno pensionistico

di Consulente Fiscale

item-thumbnail

Quale differenza sull’assegno pensionistico spettante con la quota 100 e con la pensione anticipata ordinaria? Vediamo in cosa differiscono gli importi.

Sono una docente di scuola secondaria di secondo grado e l’anno in corso è il mio 41 anno di servizio. Vorrei sapere che differenza c’è dal punto di vista dell’assegno pensionistico se vado in pensione con quota 100 rispetto ai 42 anni di contributi previsti dalla legge Fornero (regime misto retributivo/contributivo)
Grazie
La quota 100 non comporta penalizzazioni sulle pensione essendo l’assegno calcolato sul reale montante contributivo maturato al momento del pensionamento. Allo stesso modo della pensione anticipata.
Per chi accede, per esempio, alla quota 100 con 38 anni di contributi la differenza sull’assegno è rappresentata dagli anni in meno lavorati rispetto a chi accedere con la pensione anticipata (che per le donne richiede 41 anni e 10 mesi di contributi, 4 anni circa di contributi in più, quindi).
Per lei il problema, però, non si pone.
Se decide, quindi, di accedere al pensionamento con la quota 100 il prossimo 1 settembre, presentando domanda di cessazione alla fine del 2019, il suo assegno pensionistico sarebbe calcolato su 41 anni di contributi, circa 1 anno di contribuzione in meno rispetto a quello che le spetterebbe se accedesse l’anno successivo con la pensione anticipata.
Invia il tuo quesito a [email protected]

I nostri esperti risponderanno alle domande in base alla loro rilevanza e all'originalità del quesito rispetto alle risposte già inserite in archivio

Versione stampabile
Argomenti: