Pensione anticipata o quota 100: ecco cosa conviene

di Consulente Fiscale

item-thumbnail

Pensione quota 100 o anticipata con parità di decorrenza? Quale delle 2 misure conviene maggiormente per libertà di azione e a livello di assegno pensionistico?

Buongiorno,
ho 42 anni e 10 mesi maturati al 15 gennaio 2019 per l’anticipata e 62 al 31.12.2018 per  quota 100.
Volevo cortesemente sapere cosa cambia a livello retributivo sulla pensione se scelgo l’anticipata o quota 100 e quindi quale conviene.
Sinceramente a livello economico sull’assegno pensionistico non cambia assolutamente nulla.
Per entrambe le misure nel caso i requisiti siano stati maturati prima della pubblicazione del decreto la decorrenza della pensione è fissata al 1 aprile 2019 se è dipendente privato.
Se è dipendente del pubblico impiego, invece, la pensione anticipata avrà decorrenza il 1 aprile 2019, la quota 100 il 1 agosto 2019.
Se è dipendente del comparto scuola, presentando domanda entro il 28 febbraio, per entrambe le misure la decorrenza della pensione è il 1 settembre 2019.
In ogni caso, avendo la stessa decorrenza, la pensione sarà calcolata per entrambe le misure sullo stesso montante contributivo, quindi non v’è alcuna differenza economica.
L’unica differenza tra pensione anticipata e quota 100 è costituita dal divieto di cumulo di redditi da pensione e da lavoro per la quota 100, divieto che per la pensione anticipata non esiste.
A mio avviso, quindi, le conviene, a parità di decorrenza, scegliere la pensione anticipata che, nel futuro, non le precluderà di poter cumulare redditi da lavoro.
Invia il tuo quesito a [email protected]

I nostri esperti risponderanno alle domande in base alla loro rilevanza e all'originalità del quesito rispetto alle risposte già inserite in archivio

Versione stampabile
Argomenti: