Argomenti Consulenza fiscale

Tutti gli argomenti

Pensione anticipata e la paura di ‘rimetterci’: opportuni chiarimenti

Stampa

La paura che scegliendo una pensione anticipata possa portare a perdere sull’importo della pensione è comune a molti lavoratori.

La paura di tutti coloro che devono accedere alla pensione volontariamente (e non obbligatoriamente rispetto a chi accede a 67 anni con la pensione di vecchiaia) è quella di fare la scelta economicamente sbagliata e subire, in qualche modo, una decurtazione dell’assegno. Rispondiamo ad una nostra lettrice che ci scrive:

Buonasera, sono  docente di Educazione musicale  in servizio in maniera CONTINUATIVA dal 4 GENNAIO 1980…….faccio parte dellex art.44 e sono nata il 28/07/1960…….. mi sono resa conto solo in questi giorni che forse avrei avuto  i requisiti per andare in pensione in quanto a gennaio ho raggiunto 41 anni di contributi ( piu 3 settimane  di un anno precedente  al 1980)….ora mi chiedo, avendo perso questa opportunità  e dovendo fare la domanda di pensione il prossimo anno scolastico,  se è  giusto il calcolo e poi se andando in pensione  a 62 anni con 42 anni e 10 mesi di contributi, dal punto di vista economico ci rimetter’….In ogni caso, ora non posso fare piu niente?…..grazie

Pensione anticipata

I suoi calcoli sono giusti, avrebbe potuto accedere al pensionamento già il 1 settembre 2021 raggiungendo entro il 31 dicembre i 41 anni e 10 mesi di contributi. In ogni caso senza nessun problema potrà presentare domanda di cessazione dal servizio entro i termini stabiliti dal MIUR per i pensionamenti 2022 (solitamente va presentata a dicembre) e accedere alla quiescenza il 1 settembre 2022.

Per quando riguarda il “rimetterci”: andando in pensione un anno dopo sicuramente la sua pensione non potrà che guadagnarci poichè verserà un anno in più di contributi e sarà applicato un coefficiente di trasformazione più favorevole.

Se, invece, si riferisce a quanto perderebbe andando in pensione a 62 anni anzichè a 67 anni, deve tenere conto che in ogni caso lei non potrebbe arrivare a 67 anni per il pensionamento visto che sarebbe posta a riposo d’ufficio già al compimento dei 65 poichè ha raggiunto il diritto alla pensione anticipata ordinaria.

Anticipare il pensionamento di 3 anni potrebbe influire sulla pensione visto che la pensione sarebbe calcolata su 3 anni di contributi in meno e che a 65 anni sarebbe applicato un coefficiente di trasformazione maggiormente favorevole. Quantificare la perdita non è molto facile visto che dipende molto dall’importo dei contributi versati annualmente: le posso portare un esempio, per retribuzioni medie da 30mila euro l’anno un anno di contributi influenza di circa 40 euro l’importo mensile della pensione.

Stampa
Consulenza fiscale

Invia il tuo quesito a [email protected]
I nostri esperti risponderanno alle domande in base alla loro rilevanza e all'originalità del quesito rispetto alle risposte già inserite in archivio.

Graduatorie terza fascia ATA: incrementa il punteggio con le offerte Mnemosine, Ente accreditato Miur