Argomenti Consulenza fiscale

Tutti gli argomenti

Pensione anticipata con 38 e 39 anni di contributi, le vie di uscita

Stampa

Quali sono le possibilità di uscita per chi, non rientrando nella pensione quota 100, ha 38 e 39 anni di contributi?

Pensione anticipata rispetto alla quiescenza a 67 anni: quasi tutti i lavoratori aspirano ad uscire prima dal mondo del lavoro anche a causa dell’incertezza suscitata dai continui cambiamenti delle misure previdenziali che permettono la quiescenza. In questo articolo cercheremo di rispondere agli interrogativi che ci pongono alcuni nostri lettori proprio sulla possibilità di un pensionamento anticipato.

Pensione anticipata con requisito contributivo

  • Buongiorno, sono G., a luglio 2021compio 60 anni e se i conti tornano dovrei avere a questa data 39 anni di contributi versati quale potrebbe essere la mia uscita dal mondo del lavoro e se con quale penalizzazione. 
    Grazie e buona giornata. 

Non rientrando nella possibilità di accesso alla quota 100, visto che non rispetta il requisito anagrafico dei 62 anni, l’unica possibilità di pensionamento nel suo caso è quello che la misura anticipata ordinaria prevista dalla legge Fornero che richiede per gli uomini 42 anni e 10 mesi di contributi e per le donne un anno in meno.

Dovrà, quindi, permanere al lavoro e continuare a versare contributi per almeno altri 4 anni visto che al raggiungimento dei contributi richiesti bisogna attendere la finestra di 3 mesi per la decorrenza della pensione (che può scegliere anche di non lavorare con la consapevolezza che per tutta l’attesa resterà senza stipendio e senza pensione). DI fatto, quindi, potrà accedere al pensionamento anticipato solo al raggiungimento dei 64 anni di età.

  • Buongiorno mi chiamo M. ho iniziato a lavorare età 16 anni ma ho perso negli anni 4 anni di contributi; ora ho 60 anni con 38 di contributi ho qualche possibilità per pensionarmi? Grazie

Essendo un precoce (se ha almeno 12 mesi di contributi versati prima del compimento dei 19 anni) potrebbe ambire al pensionamento con la quota 41 ma solo nel caso che si riconosca in uno dei profili di tutela previsti dalla normativa di riferimento (invalidi, disoccupati, caregiver, usuranti o gravosi).

Se non rientra in uno dei profili suddetti, dovrà invece, attendere di maturare i 42 anni  e 10 mesi di contributi per accedere alla pensione anticipata ordinaria prevista dalla legge Fornero.

Stampa
Consulenza fiscale

Invia il tuo quesito a [email protected]
I nostri esperti risponderanno alle domande in base alla loro rilevanza e all'originalità del quesito rispetto alle risposte già inserite in archivio.

Eurosofia: TFA SOSTEGNO VI CICLO, cosa studiare? Oggi alle 16.00 ne parliamo con gli esperti