Argomenti Consulenza fiscale

Tutti gli argomenti

Pensione anticipata con 20 anni di contributi: ecco quando è possibile

Stampa

Pensione anticipata con soli 20 anni di contributi: una misura contributiva che permette l’anticipo di 3 anni rispetto alla pensione di vecchiaia.

Buongiorno, chiedo informazioni sulla pensione anticipata con 20 anni di contributi compiuti in dicembre 2023 sono nato in dicembre 1961. Grazie, cordiali saluti

La pensione anticipata con 20 anni di contributi è consentita dalla pensione anticipata contributiva, una misura prevista dalla legge Dini del 1995.

Si tratta, come il nome lascia intuire, di una misura ricadente nel sistema contributivo puro che permette il pensionamento a chi, quindi, ha versato tutti i propri contributi nel sistema di calcolo contributivo.

Questo avviene soltanto in due casi: da una parte per coloro che hanno iniziato a versare contributi a partire dal 1 gennaio 1996 e dall’altra per coloro che, pur avendo contribuzione versata prima di tale data possono optare per il computo nella Gestione Separata avendo una posizione previdenziale (con almeno un contributo mensile versato) in tale gestione.

Per poter accedere alla pensione anticipata contributiva, oltre al ricadere interamente nel sistema contributivo puro, è necessario essere in possesso dei seguenti requisiti:

  • almeno 64 anni di età (requisito soggetto ad adeguamento alla speranza di vita Istat)
  • aver versato almeno 20 anni di contributi tutti nel sistema contributivo
  • che l’importo della pensione futura spettante sia pari a 2,8 volte l’assegno sociale INPS (l’importo mensile dell’assegno sociale è di 459,83 euro).

Quest’ultimo requisiti richiesto per accedere alla misura fa, facilmente, comprendere che la pensione anticipata contributiva pur richiedendo un numero di anni di contributi molto basso (si pensi che la misura permette di anticipare, con lo stesso numero di anni di contributi, la pensione di vecchiaia di ben 3 anni) è rivolto a chi ha avuto una carriera con retribuzioni abbastanza importanti da permettergli di maturare una pensione dell’importo richiesto.

Fermo restando, quindi, che è necessario che la pensione spettante abbia l’importo di almeno 2,8 volte l’assegno sociale INPS, potrebbe accedervi soltanto tra 5 anni, ovvero al compimento dei 64 a patto che non intervengano aumenti dell’età pensionabile nei prossimi anni.

Stampa
Consulenza fiscale

Invia il tuo quesito a [email protected]
I nostri esperti risponderanno alle domande in base alla loro rilevanza e all'originalità del quesito rispetto alle risposte già inserite in archivio.

Con i 24 CFU proposti da Mnemosine puoi partecipare al Concorso. Esami in un solo giorno in tutta Italia