Argomenti Consulenza fiscale

Tutti gli argomenti

Pensione a 67 anni, con 20 anni di contributi o con 18?

Stampa

C’è differenza nell’arrivare ai 67 anni con 20 o con 18 anni di contributi? Vediamo cosa cambia per la pensione di vecchiaia.

La pensione di vecchiaia si raggiunge al compimento dei 67 anni se si è in possesso di almeno 20 anni di contributi accreditati. A questa regola ci sono delle deroghe. In questo articolo rispondiamo alle domanda di una lettrice:

Salve insegno alla primaria con contratto annuale dal 2007/2008  poi nel 2014 sono passata di ruolo, ma ho 65 anni. Calcolando solo i contributi scolastici (ho altri contributi per altri lavori e per 2 gravidanze) a 67 con quanto andrò in pensione? Cambia qualcosa se raggiungo in tutto 20 anni di contributi o per esempio 18? Grazie. 

Pensione di vecchiaia

Non posso calcolare quale sarà l’importo della sua pensione poichè esso varia in base alla retribuzione su cui sono stati versati i contributi. Per quanto riguarda, invece, il numero di anni di contributi versati, cambia molto l’averne versati 20 anni o 18.

I 20 anni di contributi, infatti, garantiscono l’accesso alla pensione di vecchiaia al compimento dei 67 anni. Averne versati meno, anche 18 anni, potrebbe complicare, invece, le cose.

Se attualmente è in ruolo e al compimento dei 67 anni non ha raggiunto i 20 anni di contributi, in ogni caso, può richiedere il trattenimento in servizio fino al compimento dei 70 anni (da adeguare all’aspettativa di vita Istat) per raggiungere la contribuzione minima richiesta.

Se ha contributi versati solo  dopo il 31 dicembre 1995 (considerando tutta la contribuzione, anche quella derivante dalle maternità) al compimento dei 71 anni, in ogni caso potrà accedere al pensionamento anche senza aver raggiunto i 20 anni di contributi con la pensione di vecchiaia contributiva che richiede solo un minimo di 5 anni di contributi a patto che siano stati versati  dal 1996 in poi.

Ci sono delle deroghe che permettono il pensionamento anche con soli 15 anni di contributi ma da quello che leggo non credo vi rientri: in un caso è richiesto che tutta la contribuzione sia stata versata entro il 31 dicembre 1992, in un altro caso è necessario aver ottenuto l’autorizzazione al versamento dei contributi volontari entro il 24 dicembre 1992 e nel terzo caso è richiesto che il primo contributo sia stato versato almeno 25 anni prima della pensione e per almeno 10 anni non si siano versate le 52 settimane necessarie alla copertura dell’intero anno contributivo. Per approfondire le deroghe in questione la invito a leggere l’articolo: Pensione con 15 anni di contributi: i requisiti delle deroghe Amato

Stampa
Consulenza fiscale

Invia il tuo quesito a [email protected]
I nostri esperti risponderanno alle domande in base alla loro rilevanza e all'originalità del quesito rispetto alle risposte già inserite in archivio.

Eurosofia: 5 nuovi preziosi webinar formativi gratuiti per i concorsi scuola e sul nuovo Pei. Non perderteli. Registrati ora