Pensione a 64 o 67 anni: quanti anni di contributi

di Consulente Fiscale

item-thumbnail

Due possibilità di pensionamento: pensione anticipata contributiva a 64 anni o pensione di vecchiaia al compimento dei 67? Vediamo i requisiti necessari per le due misure a confronto.

Sono una docente scuola infanzia di ruolo dal 2007 (45 anni) senza pre ruolo,visto che non potro’ mai raggiungere il massimo pensionabile, mi chiedevo  quanti anni di contribuzione dovrò avere per il pensionamento. 

Grazie

Pensione a 64 o 67 anni?

Valutiamo il suo caso tenendo conto delle misure attualmente in vigore.

Avendo iniziato a lavorare nel 2017, nel 2019 ha maturato già 12 anni di contributi. Consideriamo, poi, che i contributi da lei versati si collocano interamente nel sistema contributivo essendo stati versati successivamente al 31 dicembre 1996; le possibilità di pensionamento nel suo caso sono 2, da una parte la pensione di vecchiaia al compimento dei 67 anni e dall’altra la pensione anticipata contributiva al compimento dei 64 anni (ad entrambe le misure è necessario aggiungere l’eventuale aumento di età pensionabile per adeguamento alla speranza di vita Istat).

La pensione anticipata contributiva richiede un minimo di 20 anni di contributi (collocati tutti successivamente al 31 dicembre 1995), 64 anni di età e che il primo assegno pensionistico liquidato sia pari o superiore a 2,8 volte il minimo INPS.

Al compimento dei 64 anni, tra 19 anni, lei avrebbe 31 anni di contributi maturati e potrebbe accedere alla misura sopra indicata.

L’alternativa sarebbe la pensione di vecchiaia al compimento dei 67 anni di età, per la quale occorrono un minimo di 20 anni di contributi.

Da considerare, inoltre, che entrambe le misure saranno calcolate interamente con il sistema contributivo e che nessuna della due prevede penalizzazioni sull’assegno pensionistico.

Dovrà, quindi, decidere lei se accedere alla pensione anticipata contributiva a 64 anni con 31 anni di contributi o alla pensione di vecchiaia a 67 anni con 34 anni di contributi.

Invia il tuo quesito a [email protected]

I nostri esperti risponderanno alle domande in base alla loro rilevanza e all'originalità del quesito rispetto alle risposte già inserite in archivio

Versione stampabile
Argomenti: