Argomenti Consulenza fiscale

Tutti gli argomenti

Pensione a 48, 64 e 65 anni: possibilità presenti e future di uscita

Stampa

Non sempre l’anticipo pensionistico è possibile, soprattutto quando non si è in possesso di un buon numero di anni di contributi.

Sono numerose le misure che permettono il pensionamento anticipata ai lavoratori italiani, anche se diverse sono in scadenza tra pochi mesi. In ogni caso, pur essendoci molte misure per accedere alla pensione non sempre l’anticipo è possibile, vediamo i casi dei nostri lettori che ci hanno scritto per avere un nostro parere.

Pensione anticipata

  • Buongiorno,mio marito lavora nella pubblica amministrazione, 42 anni anni a marzo lavorativi, e 65 anni di età a d ‘aprile quando può fare domanda? La ringrazio anticipatamente. 

Suo marito potrebbe accedere alla pensione fin da subito con la quota 100 avendo raggiunto i requisiti di accesso da oltre 3 anni. In questo caso, però, dovrebbe presentare dimissioni alla sua amministrazione con 6 mesi di anticipo e attendere, quindi, ancora 6 mesi per poter avere la decorrenza del trattamento pensionistico. In alternativa, poi, potrebbe decidere di attendere la maturazione dei 42 anni e 10 mesi di contributi a cui aggiungere una finestra d’attesa di 3 mesi, ed accedere al pensionamento fra circa un anno.

In entrambi i casi, sottolineo, deve presentare dimissioni con preavviso (con quota 100 di 6 mesi, con l’anticipata ordinaria quelle previste dal CCNL di categoria) e domanda di pensione circa 6 mesi prima.

  • Salve sono Stefano sono nato il 27 08 1973 ho sempre lavorato dal 1991., da 2 anni sto lavorando sempre di notte (dalle 22 alle 06) volevo sapere se continuo il notturno quando potevo andare in pensione ( lavoro da lunedì a venerdì notte 40 ore settimanali) grazie.

A 48 anni con 30 anni di contributi potrebbe rientrare nei lavoratori precoci (se conta almeno 12 mesi di contributi versati prima di compiere i 19 anni di età). Se rientrasse nella categoria dei precoci potrebbe andare in pensione con 41 anni di contributi se continuasse a svolgere lavoro notturno per almeno 64 notti l’anno (per almeno 6 nei 7 anni che precedono la pensione o per metà vita lavorativa). In alternativa potrebbe accedere alla pensione, indipendentemente dal numero delle notti lavorate, al raggiungimento dei 42 anni e 10 mesi di contributi.

  • Buonasera sono un’insegnante di scuola superiore ,docente di sostegno,compio 64 a dicembre 2021, ho 35 anni di contribuzione sia nel settore INPS che INPDAP,vorrei sapere come posso andare in pensione anticipata e  con quale formula.Grazie

L’unico modo per anticipare la pensione nel suo caso è con opzione donna a patto che i 35 anni di contributi li abbia raggiunti entro il 31 dicembre 2020 (o in alterativa se ci fosse una proroga della misura che permetta l’accesso anche a chi raggiunge i requisiti nel 2021). In questo caso, però, dovrebbe procedere ad un ricongiungimento oneroso dei contributi che ha versato nelle due gestioni poichè con l’opzione donna non è possibile accedere utilizzando il cumulo gratuito.

In alternativa può attendere il compimento dei 67 anni e procedere al pensionamento in cumulo senza sostenere alcun onere.

Stampa
Consulenza fiscale

Invia il tuo quesito a [email protected]
I nostri esperti risponderanno alle domande in base alla loro rilevanza e all'originalità del quesito rispetto alle risposte già inserite in archivio.

Corso di perfezionamento in Metodologia CLIL: acquisisci i 60 CFU con Mnemosine, Ente accreditato Miur