Argomenti Consulenza fiscale

Tutti gli argomenti

Pensione 1 settembre 2022: quando è d’ufficio e non serve domanda di cessazione?

WhatsApp
Telegram

Chi non deve presentare domanda di cessazione dal servizio entro il 31 ottobre 2021, pur pensionandosi il 1 settembre 2022?

Non tutti i pensionamenti al 1 settembre 2022 necessitano di presentazione di domanda di cessazione dal servizio entro il 31 ottobre 2021. In alcuni casi, quando il pensionamento è coatto (d’ufficio), la domanda non va presentata e si dovrà procedere alla sola presentazione della domanda di pensione all’INPS.

In questi casi, infatti, le dimissioni non vanno inviate con Istanze Online ma provederà lo stesso dirigente scolastico alla segnalazione del pensionamento. Il dipendente, in questo caso, riceverà provvedimento emesso dalla scuola per la cessazione coatta che dovrà, poi, allegare alla domanda di pensione INPS.

Chi non presenta domanda di cessazione dal servizio?

Non sono tenuti a presentare la domanda di cessazione dal servizio entro il 31 ottobre 2021 tutti coloro che saranno collocati a riposo d’ufficio dalla propria scuola.

Il collocamento a riposo coatto interverrà il 1 settembre 2022 per:

  • il personale del comparto scuola che, con almeno 20 anni di contributi maturati, compie i 67 anni entro il 31 agosto 2022
  • i docenti della scuola dell’infanzia che entro il 31 agosto hanno maturato almeno 30 anni di contributi e che compiono i 66 anni e 7 mesi entro il 31 agosto 2022
  • il personale del comparto scuola che ha compiuto i 65 anni entro il 31 agosto 2022 e che per la stessa data ha maturato i 41 anni e 10 mesi di contributi richiesti alle donne e i 42 anni e 10 mesi di contributi richiesti agli uomini per accedere alla pensione anticipata ordinaria.

Per chi rientra nel collocamento a riposo d’ufficio, in ogni caso, non dovendo presentare domanda di cessazione dal servizio con Istanze Online, è bene che segnali al proprio dirigente scolastico la propria situazione per fare in modo che il provvedimento di cessazione coatta sia emesso il prima possibile, visto che lo stesso andrà allegato alla domanda di pensione da inviare online all’INPS.

Da notare che il collocamento a riposo d’ufficio potrebbe scattare (potrebbe, quindi, non è certo che accada) anche per il personale del comparto scuola che entro il 31 agosto 2022 ha raggiunto i 41 anni e 10 mesi di contributi (per gli uomini un anno in pù) necessari per accedere alla pensione anticipata e alla stessa data ha compiuto i 62 anni di età: in questo caso il collocamento a riposo scatta solo nel caso vi sia una situazione di esubero per il posto, la classe di concorso o il profilo di appartenenza non solo a livello provinciale ma anche nazionale.

WhatsApp
Telegram
Consulenza fiscale

Invia il tuo quesito a [email protected]
I nostri esperti risponderanno alle domande in base alla loro rilevanza e all'originalità del quesito rispetto alle risposte già inserite in archivio.

Concorso a cattedra ordinario secondaria, il corso: con esempi di prova orale già pronti e simulatore EDISES per la prova scritta. A 150 EURO