Pensionamento d’ufficio per raggiunti limiti di età: quando

di Lucrezia Di Dio

item-thumbnail

Le pubbliche amministrazioni sono obbligate al pensionamento d’ufficio dei propri dipendenti al compimento dei 67 anni ed in alcuni casi al compimento dei 65 anni.

Buonasera, lavoro a scuola come collaboratore scolastico la mia scuola vuole mandarmi in pensione perché il 1/02/2019 ho compiuto 67 anni, io ho fatto domanda per restare in servizio perché ho solo 8 anni di contributi, ma la scuole dice che non posso stare più in servizio per l’età.
Potete dirmi come funziona?

Dopo l’approvazione del decreto legge sulla Pubblica amministrazione del 2014 (DL numero 90) è profondamente cambiato l’istituto del trattenimento in servizio e quello della risoluzione unilaterale del rapporto di lavoro da parte delle Pubbliche amministrazioni.

Pensionamento d’Ufficio: quando

Le pubbliche amministrazione hanno l’obbligo di collocare in pensione d’ufficio i propri dipendenti quando compiono 65 anni raggiungendo il diritto a una qualsiasi pensione (ad esempio la pensione anticipata con 42 anni e 10 mesi di contributi per gli uomini e 41 anni e 10 mesi di contributi per le donne) o al raggiungimento dell’età per accedere alla pensione di vecchiaia (67 anni).

Trattenimento in servizio in un solo caso

E’ permesso il trattenimento in un solo caso: se il dipendente che raggiunge i 67 anni di età non ha i contributi necessari per accedere alla pensione di vecchiaia (20 anni di contributi) può chiedere il trattenimento il servizio fino a 71 anni ma solo a patto che per quell’età raggiunga i contributi necessari all’accesso alla pensione di vecchiaia.

In conclusione

Nel suo caso, avendo soltanto 8 anni di contributi, anche chiedendo il trattenimento in servizio non potrebbe arrivare ai 20 anni di contributi necessari per l’accesso alla pensione di vecchiaia e per questo la scuola glielo rifiuta. E’ semplicemente la legge che stabilisce come comportarsi in questi casi, anche se lavorasse altri 4 anni arriverebbe a 12 anni di contributi che non le permetterebbero l’accesso in ogni caso.

 

Invia il tuo quesito a [email protected]

I nostri esperti risponderanno alle domande in base alla loro rilevanza e all'originalità del quesito rispetto alle risposte già inserite in archivio

Versione stampabile
Argomenti: