Pensionamento a domanda e progressione di carriera come atto dovuto per la cessazione

di redazione
ipsef

Riportiamo le ultime risposte dei nostri consulenti nella rubrica “Chiedilo a Lalla”. Ricordiamo che per le istituzioni scolastiche abbiamo approntato un canale di consulenza gratuita e con risposta garantita.

Normativa di riferimento per il pensionamento forzato

Assistente Amm.vo  – ho delle docenti che compiono 65 anni entro il 31/8/17 ed hanno almeno 20 anni di contentributi al 31/12/11. Dobbiamo collocare in pensione d’ufficio?

Progressione di carriera dalla scuola di titolarità – atto dovuto in caso di domanda di pensione

Daniela  – Sono insegnante di liceo e sono nata il 24/08/1954. Il Provveditorato mi ha fatto i conteggi del caso e ha stabilito che a fine di quest’anno scolastico avrò maturato 41 anni 7 mesi e tot giorni di contributi e che quindi posso fare domanda di pensione. (anzianità di servizio/ NON APE) Sul cedolino dello stipendio compare ancora il livello 21 del gradone essendo tutto bloccato da tempo e quindi io non ho ancora raggiunto il massimo stipendiale. Mi chiedevo 1)quando e se verrà sbloccato questo dato contrattuale 2) quanto andrò a perdere se vado in pensione con questo stipendio (fino al 2011 ho il contributivo e poi il retributivo da quanto ho capito) soprattutto per la liquidazione.  Grazie

42 anni e 10 mesi di anzianità contributiva

Domenico – Insegnante di scuola media di II°, nato il 13/10/1952 Al 31/8/2017 maturo una anzianità di servizio, compreso riscatto anni università e servizio militare di 41 anni e 9 mesi, quando posso andare in pensione Grazie.

Pensionamento di vecchiaia nel 2022

Gabriele  – spett.le orizzonte scuola Il sottoscritto essendo nato il 1.11.1955 e andando in pensione per vecchiaia non avendo gli anni di contributi chiede se andra’ in pensione a 67 e 5 mesi cioe’ nel 2023 o a 67 e 2 mesi a domanda nel 2022 (i sindacati mi hanno detto 1 settembre 2022 a domanda, secondo voi?) ringrazio ed auguro buon 2017.

Pensionamento coatto per raggiunti limiti di servizio

Assistente Amm.vo  – Buongiorno. sono un Assistente Amministrativo e maturerò al 31/8/2017 un’anzianità contributiva di 42 anni 11 mesi e 8 giorni ed un’età anagrafica di 61 anni. Sarò costretto ad andare in pensione oppure potrei continuare il servizio? Leggendo la C.M. di quest’anno, relativa alle domande di dimissioni scadenti il 20/1/2017, non mi sembra ci sia un obbligo di dimissioni coatte da parte dell’Amministrazione. Ringrazio anticipatamente ed invio cordiali saluti ed Auguri per un ottimo 2017 a tutto lo staff di Orizzonte Scuola.

Diritto al pensionamento nel 2019

Stefano   – Insegnante classe A049 , nato a Roma il 5 dicembre 1954 ad agosto 2017 avrò maturato 42 anni e 2 mesi di servizio comprensivi di scuole cattoliche , 4 anni universitari , scuola statale da ottobre 1985 (concorso).Ho iniziato nel 1977 con insegnamento non sempre continuativo fino al 1981 , poi con continuità. Ho usufruito nel 1991 di 4 mesi di aspettativa senza assegni. Ringrazio per la vostra risposta.

Pensionamento “a domanda”.

Docente  – Salve. Sono una insegnante; al 31/12/17 avrò più di 41 anni e 10 mesi di servizio e quindi potrò fare sicuramente domanda di cessazione entro il prossimo 20 gennaio, mi sono già infornata.   Quello che chiedo, e che non mi è  ancora chiaro, è se potrò fare domanda il prossimo anno scolastico alle stesse condizioni.  Chiedo questo perché vorrei portare all’esame la mia classe quarta e non lasciarla proprio questo anno visto che vi insegno da 4 anni. Insomma mi dispiace lasciare i ragazzi proprio ora. E anche loro sono dispiaciuti. Grazie per la eventuale risposta.

Chiedilo a Lalla

Versione stampabile
Argomenti:
anief
soloformazione