PEI provvisorio, redatto entro il 30 giugno 2021 per alunni neoiscritti o già frequentanti. FAQ

Stampa

Nuovo Piano Educativo Individualizzato, PEI provvisorio: cos’è e quando entra in vigore. Le nostre FAQ di approfondimento.

D. Il nuovo modello nazionale di PEI va adottato già dall’a.s. 2020/21?

R. No, il nuovo modello di PEI va adottato dall’a.s. 2021/22, fermo restando che può essere utilizzato già dal 2020/21, anzi nella nota n. 40/2021 si evidenzia la necessità di un graduale passaggio alla nuova disciplina. 

D. Vi sono disposizioni del DI 182/2020, che ha adottato il succitato modello di PEI, da applicare già dal corrente anno scolastico?

R. Sì, il Curricolo dell’alunno e il PEI provvisorio.

D. Cos’è e quali alunni riguarda il PEI provvisorio?

R. Il PEI provvisorio costituisce una sezione (la n. 12) del modello nazionale e va compilato per i soli alunni: neoiscritti in un’istituzione scolastica (cioè che entrano per la prima volta nel sistema scolastico italiano; di solito i bambini della scuola dell’infanzia, tuttavia potrebbe riguardare anche i bambini della primaria, considerato che la scuola dell’obbligo inizia con tale ordine di istruzione); già iscritti e frequentanti per i quali viene accertata, successivamente all’iscrizione e nel corso della frequenza, la condizione di disabilità.

D. Quando va compilato il PEI provvisorio?

R. Il PEI provvisorio va compilato entro il 30 giugno 2021.

D. Da chi va compilato?

R. Il PEI provvisorio è redatto dal Gruppo di Lavoro Operativo per l’inclusione (GLO) nominato dal dirigente scolastico. Qui la composizione del Gruppo

D. Quali docenti fanno parte del GLO in caso di redazione di PEI provvisorio? 

R. Per rispondere al quesito bisogna distinguere tra alunni già iscritti e frequentanti e alunni neoiscritti.

Nel caso di alunni già iscritti e frequentanti e quindi di nuova certificazione dopo l’ingresso a scuola, sono membri di diritto del GLO i docenti del team o del consiglio della classe frequentata dagli stessi (alunni).

Nel caso di alunni neoiscritti, ossia che si iscrivono per la prima volta a scuola e che non sono stati ancora assegnati ad una classe/sezione, il dirigente scolastico individua i docenti che possono far parte del GLO e li nomina ai sensi dell’articolo 3 del DM 182/2020.

D. Per la redazione del PEI provvisorio si utilizza un documento a sé stante? 

R. No, come detto sopra, fa parte del modello nazionale e corrisponde alla sezione n. 12.

D. Va compilata solo la suddetta sezione n. 12?

R. No, oltre alla sezione n. 12, al fine di effettuare una previsione sulle necessità dell’alunno, è necessario compilarne altre:

D. Cosa bisogna riportare nella sezione n. 12?

R. Nella sezione è necessario riportare quanto segue: proposta numero ore di sostegno; proposta risorse da destinare agli interventi di assistenza igienica e di base; proposta tipologie di assistenza/figure professionali e relativo fabbisogno da destinare all’assistenza, all’autonomia e/o alla comunicazione.

D. All’inizio dell’a.s. successivo alla redazione del PEI provvisorio, è possibile apportare modifiche e integrazioni? 

R. Sì. Le indicazioni del PEI provvisorio (redatto entro il 30 giugno), infatti, sono necessarie al GLO che nell’anno successivo dovrà redigere il PEI e contengono suggerimenti, proposte e strategie da verificare dopo l’ingresso del bambino a scuola, prevedendo interventi correttivi o integrazioni, soprattutto a livello di organizzazione e utilizzo delle risorse, in base alle necessità effettive. Per l’approvazione definitiva del PEI il GLO si riunisce, di norma, entro il 30 ottobre.

Qui la nostra Guida per immagini relativa alla compilazione del PEI provvisorio

Riforma sostegno, adempimenti 2020/21: PEI provvisorio entro il 30 giugno e curricolo studente

Nuovo PEI, riunioni GLO: tempistica, convocazione, tematiche e verbalizzazione. Tutte le info utili

Sostegno alunni con disabilità, redazione del PEI spetta al Gruppo operativo inclusione (GLO). Chi partecipa, quali i compiti [LINEE GUIDA]

Modelli PEI, normativa e allegati

Stampa

Corso di perfezionamento in Metodologia CLIL: acquisisci i 60 CFU con Mnemosine, Ente accreditato Miur