Argomenti Didattica

Tutti gli argomenti

Peer to peer tra studenti e autovalutazione: come attuarli. Scarica rubrica con criteri

WhatsApp
Telegram

Continuiamo a parlare di valutazione e di apprendimento nelle scuole italiane. E lo facciamo proprio per tenere vivo il dibattito culturale. Quando si utilizza la valutazione come apprendimento in classe, l’autovalutazione e la valutazione rappresentano, indubbiamente, un approccio efficace per migliorare l’apprendimento degli studenti.

Insegnare agli studenti come valutare il proprio lavoro e il lavoro dei loro coetanei ha numerosi vantaggi. Incoraggia la comprensione da parte degli studenti del loro apprendimento e dona opportunità per un’analisi critica dei propri sforzi incoraggiandoli a diventare studenti più autonomi.

La valutazione come apprendimento

L’autovalutazione tra pari è un aspetto essenziale della “valutazione come apprendimento” (valutazione formativa):

  • La valutazione tra pari implica che gli studenti riflettano sul lavoro dei loro coetanei, rispetto a criteri di successo relativi a un obiettivo di apprendimento, e forniscano un feedback costruttivo.
  • L’autovalutazione coinvolge gli studenti che applicano criteri di successo relativi a un obiettivo di apprendimento, riflettono sui loro sforzi, identificano i miglioramenti e regolano la “qualità” del loro lavoro.
  • Un’autovalutazione significativa tra pari e studenti ha il potenziale per contribuire positivamente all’apprendimento e al rendimento degli studenti.

I quattro passaggi per l’autovalutazione tra pari e l’autovalutazione per gli studenti

Un ciclo ascendente di apprendimento si ha quando gli studenti stabiliscono con sicurezza obiettivi di apprendimento moderatamente impegnativi ma realistici, e quindi esercitano lo sforzo, l’energia e le risorse necessarie per raggiungere tali obiettivi. (Ross, 2006)

Caratteristiche del peer e autovalutazione

Attraverso istruzioni esplicite e modelli, gli insegnanti possono sviluppare le abilità dei loro studenti in termini di autovalutazione e valutazione per supportare il loro sviluppo come discenti più indipendenti.

Che aspetto ha per gli insegnanti

  • condividere/sviluppare intenzioni di apprendimento e criteri di successo con gli studenti
  • modellizzazione dei processi di valutazione e feedback
  • fornire esempi di lavoro che soddisfano/non soddisfano i criteri.

Che aspetto ha per gli studenti

  • Interagire per migliorare il lavoro dell’altro
  • utilizzando diari di apprendimento e registri di riflessione
  • fissare obiettivi di miglioramento
  • Come suona per insegnanti e studenti.

Perché gli insegnanti la scelgono

  • Discutere le caratteristiche del lavoro di “qualità”
  • offrendo un feedback continuo per “colmare il divario” agli studenti.

Perché gli studenti la preferiscono

  • Discutendo il lavoro dell’altro
  • criticare e riflettere silenziosamente sul proprio lavoro
  • ammettere di non capire qualcosa
  • scambiarsi feedback usando un linguaggio appropriato.

Come ci si sente in classe

Un’aula dove:

  • gli errori sono valutati come opportunità di apprendimento
  • gli studenti sono attivamente coinvolti nel proprio apprendimento e valutazione
  • gli studenti apprezzano l’autovalutazione tra pari e l’autovalutazione come parte integrante del processo di apprendimento
  • gli studenti sono motivati ​​a migliorare il proprio lavoro e quello degli altri.

L’autovalutazione e l’autovalutazione implicano che gli studenti utilizzino le informazioni per migliorare il loro apprendimento e quello dei loro coetanei. Sebbene vi sia una notevole sovrapposizione tra pari e autovalutazione, ciascuno di questi sarà esplorato separatamente in modo che gli insegnanti possano insegnare e modellare esplicitamente queste abilità di apprendimento vitali.

Valutazione tra pari

La valutazione tra pari coinvolge gli studenti che valutano il lavoro dell’altro secondo una serie di criteri e offrono suggerimenti di feedback.

Prerequisiti per la valutazione tra pari

Si verifica meglio quando gli studenti sono abituati e a proprio agio con:

  • un ciclo di azione di feedback di valutazione;
  • utilizzando intenzioni di apprendimento e criteri di successo;
  • ricevere e applicare feedback di miglioramento dal proprio insegnante.

Il successo della valutazione tra pari richiede tempo e pratica. Gli insegnanti devono insegnare e modellare in modo esplicito come fornire feedback prima di consegnare agli studenti questo importante aspetto dell’apprendimento degli studenti.

Come presentare la “valutazione tra pari”

  • Coinvolgere gli studenti nella definizione/chiarimento dei criteri di successo – le descrizioni di come appare il raggiungimento delle intenzioni di apprendimento.
  • Lavora con campioni: esempi ed esempi rendono i criteri visibili agli studenti.
  • Insegnare agli studenti come applicare i criteri: istruzioni esplicite e modelli aiutano gli studenti a capire cosa costituisce la “qualità”.
  • Fornire indicazioni mentre gli studenti applicano i criteri: l’applicazione dei criteri a campioni anonimi approfondisce la comprensione dei criteri.
  • Supportare gli studenti nella valutazione e nel feedback tra pari: i suggerimenti, inclusi gli antipasti di frasi e i moduli di feedback, aiutano gli studenti a fornire un feedback appropriato.

Come sostenerla

  • Combina la valutazione tra pari con il feedback degli insegnanti.
  • Sviluppare e utilizzare strumenti di valutazione tra pari, ad esempio modelli, liste di controllo e rubriche.
  • Utilizzare il modello di rilascio graduale della responsabilità, ovvero la modellazione dell’insegnante, l’istruzione guidata, la pratica condivisa, quindi la pratica indipendente.
  • Sviluppare alcuni criteri (o regole di base) per fornire un feedback efficace, che gli studenti possono utilizzare quando danno e ricevono feedback.
  • Insistere e richiedere prove affinché la valutazione tra pari, il feedback e i miglioramenti avvengano prima che gli studenti inviino il lavoro o richiedano l’assistenza dell’insegnante.
  • Assicurati che genitori e tutori comprendano perché usi la valutazione tra pari e che sia solo una delle varie strategie di valutazione che usi.

Cosa puoi provare domani

  • Sviluppa insieme alcune regole di base per la valutazione tra pari e mostrale come un grafico a muro o progetta un segnalibro per ogni studente.
  • Selezionare una strategia/strumento appropriato che gli studenti
  • Insegnare e modellare la valutazione tra pari e fornire feedback.
  • Fornisci esempi.
  • Coinvolgere gli studenti nello sviluppo dei criteri.

Come coinvolgere in questo processo gli studenti

Come coinvolgere in questo processo gli studenti? Presto fatto:

  • valutare rispetto ai criteri di successo e identificare i successi
  • indicare dove i criteri di successo sono stati e non sono stati soddisfatti – l’insegnante può suggerire modi per migliorare
  • identificare i successi, evidenziare un’area di miglioramento e formulare un suggerimento di miglioramento in modo indipendente.

Alcuni suggerimenti

  • Ricorda agli studenti i criteri di successo e sottolinea che tutti i commenti devono riferirsi ai criteri di successo.
  • Chiedi agli studenti di firmare tutti i commenti che scrivono sul lavoro di qualcun altro: questo incoraggia
  • commenti responsabili.
  • Concedi 5-10 minuti agli studenti per apportare miglioramenti in base al feedback dei compagni prima che ti diano il loro lavoro.
  • Per informazioni più dettagliate sulla valutazione tra pari, vedere Introduzione alla valutazione tra pari e Strategie per la valutazione tra pari degli studenti.

Autovalutazione dello studente

Quando gli insegnanti insegnano esplicitamente agli studenti a diventare efficaci autovalutatori, ottengono il potere di farsi carico del proprio apprendimento, un’abilità necessaria per l’apprendimento permanente.

Per la maggior parte degli studenti, si raccomanda che la valutazione tra pari preceda l’autovalutazione, anche se alcuni studenti potrebbero essere in grado di impegnarsi nei due processi contemporaneamente.

Come per la valutazione tra pari, l’autovalutazione richiede tempo e pratica e gli insegnanti devono insegnare e modellare esplicitamente come eseguire l’autovalutazione prima che ci si aspetta che gli studenti utilizzino l’autovalutazione in modo efficace.

Prerequisiti per l’autovalutazione

Affinché gli studenti siano autovalutatori di successo, devono essere abituati a:

  • utilizzando intenzioni di apprendimento e criteri di successo
  • ricevere e applicare feedback di miglioramento dal loro insegnante e colleghi
  • riflettere su come il loro lavoro soddisfa i criteri di successo, analizzando l’efficacia dei loro sforzi.

Risultato dell’implementazione della valutazione tra pari

Come risultato dell’implementazione della valutazione tra pari, l’insegnante sarà:

  • identificare, condividere/co-sviluppare e chiarire esplicitamente obiettivi di apprendimento e criteri di successo
  • modellare l’applicazione dei criteri utilizzando campioni.
  • Come presentare questa tipologia di autovalutazione
  • Fornire opportunità guidate di autovalutazione
  • Fornire agli studenti un feedback sulla “qualità” delle loro autovalutazioni
  • Insegna agli studenti come utilizzare il feedback delle autovalutazioni per definire obiettivi di apprendimento e pianificare i passaggi successivi
  • Dimostrare come gli studenti possono monitorare il loro apprendimento e i progressi verso i loro obiettivi.

Come sostenerla e farla conoscere

  • Fornire opportunità agli studenti di autovalutarsi in tutte le fasi del processo di apprendimento.
  • Rendi l’autovalutazione una parte regolare di ciò che gli studenti fanno durante e dopo l’apprendimento piuttosto che un’attività “avvitata”.
  • Assicurati che gli studenti comprendano che l’autovalutazione riguarda l’apprendimento e il miglioramento, non l’essere nel giusto o nel torto.
  • Insegnare, modellare e autovalutare esplicitamente l’impalcatura.
  • Utilizzare una gamma di tecniche e strumenti per consentire agli studenti di assumersi gradualmente responsabilità crescenti per il proprio apprendimento e progresso.
  • Insegnare agli studenti il ​​linguaggio dell’autovalutazione, come valutazione, riflessione, definizione degli obiettivi e obiettivi.
  • Assicurati che genitori e tutori comprendano perché usi l’autovalutazione e che sia solo una delle varie strategie di valutazione che utilizzi.
  • Per informazioni più dettagliate sull’autovalutazione, vedere Introduzione all’autovalutazione e alle strategie per l’autovalutazione degli studenti.

Cosa puoi provare domani

  • Chiedi agli studenti di evidenziare la sezione migliore del loro lavoro e di spiegare perché pensano che sia buona.
  • Chiedi agli studenti di identificare dove hanno soddisfatto ciascuno dei criteri di successo.
  • Chiedi agli studenti di evidenziare la frase/sezione del loro lavoro che li soddisfa di più.
  • Chiedi agli studenti di scrivere una domanda a cui vorrebbero che tu rispondessi nel tuo feedback.
  • Includere un po’ di tempo per riflettere alla fine della lezione. Insegna agli studenti come riflettere sul loro apprendimento.
  • Fai una pausa durante la lezione e chiedi agli studenti di discutere di come sta andando il loro apprendimento. Sperimenta usando il pollice in su o i semafori.
  • Fornire alcune frasi iniziali e suggerimenti per aiutare gli studenti a riflettere e/o identificare aree di miglioramento.
  • Insegnare e modellare l’autovalutazione.
  • Fornisci esempi in modo che gli studenti sappiano a cosa mirano.
  • Discutere ed esercitarsi nella definizione degli obiettivi individuali.
  • Chiedi agli studenti di identificare un’area in cui sono incerti o in cui pensano di aver bisogno di aiuto per migliorare.
  • Progetta alcuni modelli di autovalutazione.

Schede di uscita in cui gli studenti scrivono e inviano le risposte

Presenta le schede di uscita in cui gli studenti scrivono e inviano le risposte a richieste quali:

  • Qual è stata la cosa più importante che hai imparato oggi?
  • Quali domande hai ancora?

Rubrica di valutazione tra pari

Rubrica per la valutazione tra pari

WhatsApp
Telegram

Corso di perfezionamento in Metodologia CLIL: acquisisci i 60 CFU con Mnemosine, Ente accreditato Miur