Pediculosi, il 10% dei bambini frequentanti la scuola primaria viene colpito

WhatsApp
Telegram

La pediculosi, meglio nota come l’infestazione da pidocchi, è un problema che si presenta in molte scuole primarie in tutto il mondo. Tuttavia, statistiche precise sulla sua incidenza in Italia risultano essere una rarità.

Secondo esperti del settore, si stima che ogni anno, il 10% dei bambini frequentanti la scuola primaria venga colpito. Negli Stati Uniti, i Centri per il Controllo e la Prevenzione delle Malattie (CDC) indicano che tra i 6 e i 12 milioni di bambini di età compresa tra 3 e 11 anni vengono infestati annualmente.

Il pidocchio adulto è minuscolo, paragonabile ad un seme di sesamo. Con le sue 6 zampe, si attacca e prende il colore del capello che infesta. Il suo ciclo vitale è sorprendentemente breve ma prolifico. La femmina depone delle uova gialle e lucide, denominate lendini, saldamente ancorate al fusto del capello. In una settimana, queste lendini si schiudono, e il parassita diventa adulto nei giorni successivi. Secondo ‘Epicentro’, il sito dell’Istituto Superiore di Sanità, una singola femmina può deporre dalle 80 alle 300 uova in un mese, a seconda della specie.

Con l’avvicinarsi dell’inizio dell’anno scolastico, gli Stati Uniti intensificano le loro campagne di sensibilizzazione. Ad esempio, la Mayo Clinic ha dichiarato settembre come il “mese nazionale della prevenzione dei pidocchi”. In occasione di questo mese, esperti come Tina Ardon, hanno sfatato alcuni miti comuni sui pidocchi, come quello secondo cui possono saltare o volare – in realtà, strisciano.

Ma è fondamentale comprendere che la pediculosi non ha confini geografici o sociali. Come sottolinea il pediatra Farnetani: “I pidocchi sono presenti in ogni regione italiana e in ogni ceto sociale. Non è legato a condizioni socio-economiche basse né a scarsa igiene”. Contrariamente a ciò che molti credono, i pidocchi prediligono i capelli, indipendentemente dalla loro pulizia. La ‘sfortuna’ di trovarsi nei paraggi di questi parassiti potrebbe quindi colpire chiunque.

WhatsApp
Telegram

La Dirigenza scolastica, inizio anno scolastico: la guida operativa con tutte le novità 2024/25 con circolari e documenti pronti all’uso